Il trailer del film su Han Solo, spiegato

Il secondo spinoff di Star Wars analizzato scena per scena, fra nuovi misteriosi cattivi e vecchie conoscenze

Ieri è stato diffuso il primo trailer di Solo, il secondo spin-off della saga di Star Wars dopo Rogue One. Sono film ambientati nello stesso universo della saga, ma paralleli alla storia principale. Solo racconterà la vita di Han Solo, il personaggio che nei film della saga principale è interpretato da Harrison Ford; nel nuovo film invece sarà impersonato da Alden Ehrenreich, che forse avete visto in Blue Jasmin e Ave, Cesare!. Nel cast principale ci sono anche Woody Harrelson, Emilia Clarke, Donald Glover e Phoebe Waller-Bridge.

Mentre Rogue One è stato molto apprezzato dai critici, su Solo circola un po’ di scetticismo: nel pieno della produzione i due registi originali, Phil Lord e Chris Miller, sono stati licenziati e sostituiti con Ron Howard. Si dice che da allora il film abbia preso una direzione completamente diversa, e nessuno sa bene cosa aspettarsi. Per ora abbiamo fra le mani solamente questo minuto e mezzo, che abbiamo cercato di analizzare scena per scena. Il film uscirà nei cinema italiani il 25 maggio.

 versione italiana

versione originale

La prima scena significativa mostra Han Solo in fuga da qualcosa insieme al personaggio di Emilia Clarke. Di lei sappiamo solo che si chiama Qi’Ra e poco altro. Han e Qi’Ra sono su una specie di speeder, l’aggeggio che guidava Luke Skywalker quando l’Impero iniziò a dargli la caccia nel primissimo film della saga, Una nuova speranza. Stanno scappando da quella che sembra una struttura imperiale: nella sua corsa Han investe un paio di stormtrooper. Un dettaglio da impallinati: i dadi dorati appesi sul cruscotto sono gli stessi che si vedono nei film della trilogia originale e che hanno un ruolo discretamente importante negli Ultimi Jedi, l’ottavo film della saga.

In sottofondo, si sente Han raccontare: «Vivo di truffe in strada da quando avevo dieci anni. Cacciato dall’accademia di volo perché ragiono con la mia testa. Diventerò un pilota. Il migliore della galassia». Intanto viene mostrato per la prima volta il Millennium Falcon, la sua storica astronave. La distinguiamo dalla forma della cabina, quella cosa che spunta dal lato destro.

Nella scena successiva viene mostrato un nuovo personaggio, interpretato da Woody Harrelson. Sta cercando di convincere Han a entrare nella sua gang su un bizzarro promontorio. Da quel poco che sappiamo il personaggio di Harrelson si chiama Beckett e dovrebbe essere una specie di figura paterna.

Vediamo anche uno scorcio di Lando Carlissian, uno dei personaggi secondari più famosi della trilogia originale, che nel nuovo film è interpretato da Donald Glover (lo avete visto in Atlanta o Community, e ascoltato come Childish Gambino). Dai film usciti al cinema non sappiamo molto del suo passato, a parte che a un certo punto perse il Millennium Falcon scommettendo con Han Solo.

Di recente Glover si è incontrato con Billy Dee Williams, che interpretava Lando nella trilogia originale e che finora non è apparso in nessun altro film della saga.

Per una frazione di secondo vediamo anche Thandie Newton, cioè Maeve di Westworld: interpreta Val, apparentemente una dei criminali reclutati da Beckett/Harrelson per la sua gang.

C’è anche Chewbecca, la spalla storica di Han. Dal trailer sembra che Han Solo sappia già interpretare i suoi versi, ma per il momento non sappiamo se si conoscano da sempre o se il loro primo incontro verrà mostrato nel nuovo film. Chewbecca è interpretato dall’ex giocatore di basket finlandese Joonas Suotamo, come già nel settimo e nell’ottavo film della saga: Peter Mayhew, l’attore originale, è molto malato e ultimamente fa fatica a camminare.

Un altro nuovo personaggio è L3-37, il primo droide donna ad avere una parte nel cast: sarà interpretata da Phoebe Waller-Bridge, che potreste riconoscere da Broadchurch e Fleabag. Il personaggio di Waller-Bridge sarà animato con la computer grafica grazie alla tecnologia Motion capture, come già il personaggio di Lupita Nyong’o nel settimo film della saga o di Alan Tudyk in Rogue One.

Una delle micro-scene più apprezzate del trailer mostra un momento di stallo prima di una sparatoria su una spiaggia, con un’inquadratura da western sulla pistola di Han. Potrebbe essere una citazione della controversia nata da una modifica del primissimo film nell’edizione del 1997. Nella scena del bar di Mos Eisley, Han Solo spara e uccide un cacciatore di taglie che stava per catturarlo. La scena però è stata leggermente modificata per far sembrare che sia il cacciatore di taglie a sparare per primo, legittimando Han – che nel frattempo era diventato uno dei personaggi più popolari del film nel fronte dei “buoni” – a reagire e uccidere. Il movimento di Han per sbloccare la fondina della sua pistola è lo stesso, nel film del 1977 e in quello che sta per uscire.

Intuiamo che il personaggio con la pelliccia e le lame che gli spuntano dal casco sia l’antagonista principale del film: si vede anche in un altro paio di spezzoni e nel breve teaser mandato in onda durante il Super Bowl. Di lui non sappiamo nulla: né il nome né l’attore o attrice che lo interpreta.

In una delle scene finali del trailer, prima di quella col mostro gigante, vediamo il Millennium Falcon inseguito da un incrociatore che sembra uscire da una specie di vortice. Potrebbe essere un riferimento alla “rotta di Kessel” che Han Solo si vanta di aver percorso in 12 parsec in un paio di scene della saga. Gli appassionati si sono chiesti per anni cosa fosse la rotta di Kessel e perché Han usasse una misura di lunghezza – il parsec – per vantarsi di aver percorso velocemente una certa strada. Il nuovo film potrebbe contenere la risposta a queste domande: Ron Howard ha rivelato che nel film si parlerà fra le altre cose delle miniere sul pianeta di Kessel.

Mostra commenti ( )