(AP Photo/Massoud Hossaini)
  • Mondo
  • sabato 27 gennaio 2018

La strage a Kabul

È esplosa un'ambulanza vicino a un checkpoint, in un'area molto affollata: ci sono 95 morti, l'attacco è stato rivendicato dai talebani

(AP Photo/Massoud Hossaini)

Stamattina a Kabul, la capitale dell’Afghanistan, è esplosa un’autobomba vicino a un ufficio del ministero degli Interni: almeno 95 persone sono state uccise, mentre i feriti sono più di 150. Il veicolo usato per l’attacco era un’ambulanza, che è esplosa vicino a un checkpoint, in un’area dove ci sono molte ambasciate straniere e edifici governativi, in un momento in cui c’era molta gente. L’attacco è stato rivendicato dai talebani.

La settimana scorsa, sempre a Kabul, un attacco al più grande hotel della città aveva causato 18 morti. Negli ultimi mesi ci sono stati numerosi gravi attacchi terroristici a Kabul, cosa che ha messo in dubbio le capacità del governo di gestire la situazione. Alcuni attacchi sono stati rivendicati dalla branca afghana dello Stato Islamico (o ISIS); altri sono stati attribuiti al gruppo estremista “Rete Haqqani”, formato da una fazione di talebani che hanno base in Pakistan.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.