• Mondo
  • sabato 27 gennaio 2018

La strage a Kabul

È esplosa un'ambulanza vicino a un checkpoint, in un'area molto affollata: ci sono 95 morti, l'attacco è stato rivendicato dai talebani

(AP Photo/Massoud Hossaini)

Stamattina a Kabul, la capitale dell’Afghanistan, è esplosa un’autobomba vicino a un ufficio del ministero degli Interni: almeno 95 persone sono state uccise, mentre i feriti sono più di 150. Il veicolo usato per l’attacco era un’ambulanza, che è esplosa vicino a un checkpoint, in un’area dove ci sono molte ambasciate straniere e edifici governativi, in un momento in cui c’era molta gente. L’attacco è stato rivendicato dai talebani.

La settimana scorsa, sempre a Kabul, un attacco al più grande hotel della città aveva causato 18 morti. Negli ultimi mesi ci sono stati numerosi gravi attacchi terroristici a Kabul, cosa che ha messo in dubbio le capacità del governo di gestire la situazione. Alcuni attacchi sono stati rivendicati dalla branca afghana dello Stato Islamico (o ISIS); altri sono stati attribuiti al gruppo estremista “Rete Haqqani”, formato da una fazione di talebani che hanno base in Pakistan.

Mostra commenti ( )