I poster “onesti” dei film candidati agli Oscar 2018

Locandine che dicono da subito quello che molti pensano o penseranno sui film degli Oscar di quest'anno

Tutti gli anni, dopo l’annuncio delle nomination degli Oscar, il sito britannico The Shiznit realizza una serie di poster finti di alcuni dei film candidati alle varie categorie (di solito parte da quelli che ne hanno ricevute di più). I poster descrivono in maniera “onesta” il contenuto del film, prendendo in giro la trama o gli attori del cast: cambiano i titoli, i sottotitoli e le frasi di commento, mentre restano invariate le immagini, i colori e i caratteri originali. Ne parlano insomma come faremmo noi con i nostri amici dopo aver visto il film, spiegando quello che c’è davvero senza tutta la parte affascinante, intrigante e poetica tipica delle locandine. Le abbiamo tradotte in italiano, ma alcune funzionano meglio in inglese.

Le altre locandine fatte da The Shiznit sono qui. O magari vi interessa rivedere i poster onesti realizzati dal sito nel 2017nel 2016 (The Martian diventò “Un’altra missione per salvare Matt Damon”) e nel 2015 (Boyhood diventò “La pubertà in timelapse”).