Tutto il mondo è Parigi

Foto della capitale francese originale e della sua replica in Cina, di François Prost

In Paris Syndrome il fotografo francese François Prost ha accostato foto della vera Parigi, in Francia, a quelle di una riproduzione della città in una località cinese.
Prost ha spiegato che ha pensato al progetto dopo aver letto un articolo del giornalista Rosecrans Baldwin, che aveva visitato tutte le città di nome “Paris” negli Stati Uniti per indagare le eventuali connessioni con la capitale francese. Si è ricordato di una riproduzione di Parigi a Tianducheng, appena fuori da Hangzhou, una città di 8 milioni di abitanti a 200 chilometri da Shanghai. Tianducheng ha una torre Eiffel alta 100 metri (l’originale è alta 300 metri), giardini simili a quelli di Versailles e quartieri, fontane e scorci che sembrano proprio quelli della capitale francese. Le immagini a sinistra sono state fatte in Cina, quelle a destra a Parigi.

Prost ha spiegato che le riproduzioni di città famose e molto visitate dai turisti come Parigi, ma anche Venezia o Roma, «offuscano le nostre visioni della realtà, perdono significato nella loro riproduzione e non si sa più distinguere il vero dalla replica». Con sindrome di Parigi, che è anche il titolo del progetto, si indica proprio una presunta – ma difficilmente verificabile dal punto di vista medico – condizione psicosomatica di straniamento che colpisce i turisti giapponesi in visita a Parigi, per la differenza tra la visione idealizzata della capitale francese e l’effettiva esperienza della città.

Questo e altri lavori di Prost si possono vedere sul suo sito e sul suo account Instagram.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.