(ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)

Roberto Maroni non si ricandiderà alla presidenza della Lombardia

Per "motivi personali", ha spiegato: secondo i giornali il candidato del centrodestra alle regionali sarà l'ex sindaco di Varese Attilio Fontana

(ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)

Lunedì mattina, nel corso della sua ultima conferenza stampa da presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni ha detto che non si candiderà alle elezioni regionali del prossimo 4 marzo. Maroni ha detto che la sua decisione è dovuta a “valutazioni personali”, ma ha escluso che le motivazioni abbiano a che fare con la sua salute, come aveva scritto alcuni giornali negli ultimi giorni. Maroni ha però detto che intende continuare a fare politica e che se gli sarà chiesto si candiderà alle elezioni politiche. Ha anche detto che il candidato del centrodestra alla regione è già stato deciso e che il nome sarà rivelato a breve. Secondo i giornali, il candidato scelto è l’ex sindaco di Varese Attilio Fontana, della Lega Nord (ieri circolava anche il nome dell’ex ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini, di Forza Italia).

Maroni ha ribadito più volta la sua intenzione a continuare ad impegnarsi in politica e ha sottolineato la sua lunga esperienza di governo – in passato è stato diverse volte ministro, occupando anche uno degli incarichi più delicati, quello di ministro dell’Interno. Non è chiaro come mai Maroni abbia preso la decisione di non ricandidarsi a un’elezione che in molti davano per scontato che avrebbe vinto. Secondo alcuni potrebbe avere a che fare con le sue vicende processuali. Attualmente Maroni è sotto processo a Milano per le presunte pressioni che avrebbe esercitato per far assumere una sua collaboratrice. Altri invece citano la volontà di Maroni di fare parte di un futuro e ipotetico governo di centrodestra dopo le prossime elezioni.

Il candidato del PD alla regione Lombardia, Giorgio Gori, ha commentato con un tweet la conferenza stampa di Maroni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.