Santa Monica Canyon, Carpinteria, 11 dicembre 2017 (Mike Eliason/Santa Barbara County Fire Department via AP)
  • Mondo
  • martedì 12 Dicembre 2017

Gli incendi in California ora sono più grandi di New York e Boston messe insieme

E le fotografie continuano a essere incredibili: si pensava che le fiamme si stessero spegnendo, invece crescono

Santa Monica Canyon, Carpinteria, 11 dicembre 2017 (Mike Eliason/Santa Barbara County Fire Department via AP)

È passata una settimana da quando sono cominciati gli incendi che stanno interessando l’area intorno a Los Angeles e le contee di Ventura e Santa Barbara, nel sud della California: finora 1.000 strutture sono state distrutte, e oltre duecentomila persone hanno dovuto lasciare le proprie case. Gli incendi sono in tutto sei: il più grande, che è ora identificato con il nome di “Thomas fire”, ha bruciato quasi centomila ettari di terreno, una superficie più ampia di quella della città di New York.

È il quinto incendio più grande della storia della California: quelli che hanno interessato la Napa Valley e Santa Rosa a inizio ottobre, più grandi e molto più mortali, erano invece più incendi diversi. In totale gli incendi in corso coprono un’area più grande di quella di New York e Boston messe insieme: per ora hanno però causato soltanto un morto, una donna di 70 anni che ha avuto un incidente in auto provando a scappare.

Venerdì era sembrato che gli incendi stessero per spegnersi: le ragioni per cui sono diventati così grandi sono soprattutto i forti venti, che li hanno estesi per molti chilometri, e la fitta e secca vegetazione dell’area. I canyon e le colline intorno a Santa Barbara non venivano interessate da un grande incendio dagli anni Settanta. Le colonne di fumo si sono estese per centinaia di chilometri nel Pacifico.

Al lavoro per sedare gli incendi ci sono quasi diecimila pompieri, provenienti anche da stati vicini alla California: ma per ora soltanto il 20 per cento dell’incendio è stato sedato, e non si prevede pioggia nei prossimi 10 giorni. Jerry Brown, governatore della California, ha detto che probabilmente i pompieri dovranno lavorare anche il giorno di Natale. Alla University of California di Santa Barbara gli esami degli studenti sono stati posticipati. Uno degli incendi, molto più piccolo, è arrivato fino ad avvicinarsi a Bel Air, la ricca area collinare a nord di Los Angeles vicino a Hollywood: un’azienda vinicola di proprietà del magnate Roberth Murdoch è stata danneggiata.


Gli incendi visti da un’immagine satellitare della NASA, 11 dicembre 2017 (NASA via AP)