Il capitano dell'Italia Sergio Parisse durante una partita del Sei Nazioni 2017 (Michael Steele/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 11 novembre 2017

Per l’Italia di rugby la stagione inizia oggi

A Catania giocherà il primo test-match autunnale contro le Isole Figi, una squadra molto particolare che quest'anno l'ha già battuta una volta

Il capitano dell'Italia Sergio Parisse durante una partita del Sei Nazioni 2017 (Michael Steele/Getty Images)

Questo pomeriggio alle 15 la Nazionale italiana di rugby giocherà contro le Isole Figi a Catania nel primo dei tre test-match autunnali. Per il rugby internazionale, il mese di novembre è dedicato interamente ai test-match, ovvero partite in cui le Nazionali hanno la possibilità di allenarsi e prepararsi alle competizioni a cui parteciperanno nei prossimi mesi. Oltre al test-match contro le Isole Figi, a novembre l’Italia giocherà contro l’Argentina a Firenze e poi contro il Sudafrica a Padova. Poi non si radunerà più fino a febbraio, mese in cui inizierà il Sei Nazioni.

Nel caso dell’Italia i test-match di novembre sono l’occasione per capire a che punto è il lavoro di Conor O’Shea, l’allenatore irlandese alla guida della Nazionale dal 2016 da cui ci si aspetta molto, dopo molti anni segnati da prestazioni negative. Ultimamente si sono visti progressi, ma c’è ancora molto da fare. Le Isole Figi sono un piccolo arcipelago dell’Oceania che conta meno di un milione di abitanti, ma nonostante questo hanno una delle Nazionali di rugby più forti al mondo, che attualmente occupa il nono posto nel ranking mondiale, tra Argentina e Francia e ben quattro posizioni sopra l’Italia. Molti dei suoi giocatori giocano nel campionato inglese e in quello francese — i due migliori tornei nazionali dell’emisfero nord — e può anche permettersi di tenerne alcuni in panchina.

Le Figi sono una Nazionale che gioca in modo particolare. I suoi giocatori sono esperti e molto forti fisicamente, e storicamente poco inclini a giocare secondo rigidi schemi tattici. Preferiscono fare affidamento a uno stile di gioco che segue principalmente iniziative personali e istintive. L’Italia ci ha giocato contro lo scorso giugno a Suva, la capitale dell’arcipelago, ed è stata battuta 22-19. Nel conto complessivo degli incontri disputati dalla due Nazionali, Figi ha ottenuto sei vittorie mentre l’Italia cinque. Nella conferenza stampa di questa settimana, O’Shea ha parlato del test-match di Catania dicendo: «Quella di sabato è una sfida molto difficile: i nostri avversari hanno giocatori in grado di creare dal nulla, di fare vere magie con la palla in mano. Dovremo essere sempre concentrati e la nostra reazione al loro rugby sarà fondamentale».

Ad aggiungere interesse alla partita di oggi c’è il fatto che l’Italia tornerà a giocare a sud di Roma 16 anni dopo l’ultima volta e a Catania dopo ben 24 anni. L’incontro è in programma allo stadio Angelo Massimino e il calcio d’inizio è previsto per le ore 15.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.