• Sport
  • martedì 29 agosto 2017

Storia di Han Kwang-Song, calciatore nordcoreano in Italia

Ha 19 anni, sembra davvero forte – domenica ha segnato tre gol in Serie B – ed è interessante anche come sia arrivato qui

Han Kwang-Song ha 19 anni ed è il miglior giovane giocatore di calcio della Corea del Nord. Vive e gioca in Italia da tre anni e lo scorso aprile è diventato il primo marcatore nordcoreano nella storia della Serie A dopo aver segnato un gol con il Cagliari, la squadra per cui è tesserato. In estate è stato mandato in prestito al Perugia, la città che nel 2014 lo accolse in Italia assieme a una decina di suoi connazionali mandati in Europa dalla federazione nordcoreana nell’ambito del progetto per migliorare il movimento calcistico nazionale.

Lo scorso fine settimana Han Kwang-Song ha segnato una tripletta contro la Virtus Entella nella prima giornata del campionato di Serie B, e ora sta facendo parlare molto di sé: perché sembra promettere molte cose buone e poi, certo, perché è un calciatore nordcoreano in Italia, il primo professionista, peraltro. Questa è la storia di come è finito in Italia proprio nel momento in cui i rapporti della comunità internazionale con il suo paese sembrano essere ai minimi storici.

2013

Sulla falsa riga dei crescenti investimenti nel calcio che il governo cinese sta iniziando a programmare, anche la Corea del Nord sembra puntare molto sul calcio e soprattutto sulla crescita di nuovi buoni giocatori. È stata fondata la Pyongyang International Football School, un’accademia calcistica giovanile destinata ad ospitare circa duecento ragazzi ogni anno. Della Pyongyang International Football School non si conoscono né i programmi né i metodi di allenamento e di istruzione, e le poche testimonianze raccolte dai giornali parlano solamente di lunghi allenamenti e lezioni teoriche. Si sa però con certezza che è il maggior investimento sportivo del regime di Kim Jong-un, che è anche coinvolto direttamente nel progetto: l’obiettivo è qualificarsi nuovamente alla Coppa del Mondo e affermarsi come una delle migliori nazionali di calcio asiatiche. Per cominciare.

2014

La notizia di una visita in Corea del Nord di due politici italiani – peraltro due politici spesso protagonisti di aneddoti o dichiarazioni forti o bizzarre – ha suscitato estese curiosità. I due politici in questione sono il segretario della Lega Nord Matteo Salvini e il senatore di Forza Italia Antonio Razzi. Entrambi, dopo essere tornati dalla visita, ne hanno parlato a lungo in numerose interviste. Al Corriere della Sera, intervistato dal giornalista Massimo Rebotti, Salvini ha riferito del gran trattamento riservato dalle autorità locali al collega Razzi, generando un certo stupore.

Quanto è rimasto nel Paese?
Cinque giorni. Internet e il telefonino non andavano, un’esperienza impagabile. Da sola valeva il viaggio. E poi, sia chiaro, ho pagato tutto io: cibo, alberghi, nessun costo per il contribuente.

E il senatore Razzi? Già altre volte aveva lodato il regime suscitando polemiche.
Persona spumeggiante, piena di iniziativa. In Corea è un’autorità.

Ma, in concreto, cosa siete andati a fare?
Nella nostra delegazione c’erano imprenditori nei settori del turismo, dell’agricoltura, dell’edilizia: lì si possono fare affari, hanno bisogno di trattori, di motorini.

Risultati ottenuti?
So che gli abbiamo venduto due milioni di piante di mele, con noi c’erano dei coltivatori trentini.

Razzi dice che vi siete anche occupati di calcio.
C’erano dei talent scout che hanno opzionato dei ragazzi per squadre di A e di B, l’Udinese e la Virtus Entella, se non ricordo male.

2015

In seguito agli accordi stretti tra l’ambiziosa Federazione calcistica nordcoreana e la ISM Academy di Perugia, un’accademia di calcio internazionale specializzata nella ricerca e nella formazione di giovani calciatori (il cui responsabile, Alessandro Dominici, fece parte della delegazione italiana che andò in Corea del Nord) da inizio anno si stabiliscono a Perugia una decina di giovani calciatori nordcoreani mandati in Italia per confrontare il loro livello con quello del calcio europeo. Le regole stabilite dalla FIFA circa i trasferimenti dei giocatori minorenni, tuttavia, impediscono ai nordcoreani di tesserarsi con qualsiasi club italiano: la Gazzetta dello Sport scrive che “si limitano ad allenarsi, studiare l’italiano e fare provini, giocando gare ufficiali solamente con la nazionale”. Due di loro in particolare hanno attirato l’attenzione degli osservatori: sono Choe Song-Hyok e Han Kwang-Song, entrambi nati a Pyongyang nel 1998. Sembra sia stato il senatore Razzi a mettere in contatto la Federazione nordcoreana e la ISM Academy, sfruttando gli ottimi rapporti con le autorità locali.

2016

Uno dei due giocatori nordcoreani che hanno dato più nell’occhio, Choe Song Hyok, diventa maggiorenne a febbraio. A marzo viene quindi tesserato della squadra Primavera della Fiorentina. Choe gioca come esterno d’attacco e parla già un po’ di italiano, avendolo imparato durante la sua permanenza alla ISM Academy di Perugia. Con la Corea del Nord ha partecipato nell’ottobre dell’anno precedente al Mondiale Under-17, dove ha raggiunto gli ottavi di finale. Nella Primavera della Fiorentina, Choe gioca in attacco assieme allo statunitense Joshua Perez, esterno come lui.

L’altro nordcoreano notato alla ISM Academy di Perugia, Han Kwang-Song, è stato “bloccato” dalla Fiorentina ad inizio anno in attesa che diventi maggiorenne a luglio. Ma a maggio la squadra cambia molti dirigenti e il pre-contratto di Kwang-Song è stato annullato. Al ragazzo ora sembrano interessati due fra i più noti club d’Inghilterra: il Liverpool e il Manchester City.

2017

Nonostante l’interessamento di Liverpool, Manchester City e Ajax, i legami italiani di Kwang-Song favoriscono il suo ingaggio al Cagliari di Tommaso Giulini, caldamente consigliato da Sandro Stemperini, procuratore sportivo in ottimi rapporti sia con la ISM Academy di Perugia che con Stefano Capozucca, direttore sportivo del Cagliari. Stemperini nel frattempo diventa l’agente di Kwang-Song, che si è trasferito in Sardegna tra marzo e aprile. Nel periodo di prova le doti di Kwang-Song non hanno stupito solo gli allenatori del settore giovanile ma anche l’allenatore della prima squadra, Massimo Rastelli, e alcuni giocatori che lo hanno visto in allenamento. Gioca come punta o seconda punta e ha una forza sulle gambe ben sopra la media della sua età. È veloce e rapido anche quando porta palla e sa usare bene entrambi i piedi. Appena arrivato a Cagliari viene aggregato alla squadra Primavera in partenza per il torneo di Viareggio, dove segna un gol in rovesciata al Parma, confermando le aspettative su di lui.

Da lì in poi Kwang-Song bruciato le tappe. Dopo appena poche settimane con la Primavera viene chiamato in prima squadra. Il 2 aprile entra in campo durante Palermo-Cagliari e diventa così il primo giocatore nordcoreano a esordire in Serie A e nei cinque principali campionati europei. Una settimana dopo diventa anche il primo nordcoreano a segnare un gol nel massimo campionato italiano: in Cagliari-Torino realizza il secondo gol nella sconfitta della squadra per 3-2. Lo segna di testa, approfittando della libertà concessagli dai difensori del Torino.

In estate il Cagliari lo cede in prestito al Perugia, in Serie B. Kwang-Song è tornato quindi in Umbria pochi mesi dopo averla lasciata: nella prima partita della nuova stagione di Serie B segna addirittura una tripletta nella vittoria del Perugia per 5-1 contro la Virtus Entella. Il primo dopo nemmeno dieci minuti dal fischio d’inizio su assist del compagno d’attacco Alberto Cerri; il secondo sul finire del primo tempo con un preciso diagonale calciato dal lato destro dell’area di rigore e l’ultimo con un tiro di piatto al volo calciato in leggera sforbiciata.

 

Kwang-Song sembra quindi promettere molto ed è già considerato uno dei calciatori nordcoreani più forti in attività. Il fatto che sia sostanzialmente un lavoratore nordcoreano impiegato all’estero non gli ha causato fin qui alcun problema, ma il suo tesseramento con il Cagliari è stato comunque oggetto di un’interrogazione parlamentare presentata a marzo dal deputato del PD Marco Nicoletti. Si stima infatti che in media circa il 70 per cento degli stipendi del lavoratori nordcoreani all’estero venga incassato direttamente dal governo nordcoreano.

Questo fenomeno, che il dipartimento di Stato americano e diverse ong hanno definito un vero commercio di “schiavi”, è una delle principali fonti di valuta estera in mano al governo nordcoreano. Il paese infatti è oggetto di numerose sanzioni internazionali per via del suo programma nucleare e delle continue gravi violazioni dei diritti umani che avvengono entro i suoi confini: per questo ha grosse difficoltà a procurarsi la valuta estera essenziale per tutta una serie di attività economiche. Il Cagliari tuttavia ha garantito la regolarità del suo contratto e gli garantisce vitto e alloggio, oltre a uno stipendio di circa 1.200 euro lordi al mese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.