Christopher Froome durante la cronometro di Marsiglia, penultima tappa del Tour de France 2017 (PHILIPPE LOPEZ/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 22 Luglio 2017

Froome ha quasi vinto il Tour de France

Nella penultima tappa è riuscito a mantenere la testa della classifica e non può più essere raggiunto: ufficialmente il Tour finirà domani a Parigi

Christopher Froome durante la cronometro di Marsiglia, penultima tappa del Tour de France 2017 (PHILIPPE LOPEZ/AFP/Getty Images)

La penultima tappa del Tour de France è stata vinta dal ciclista polacco Maciej Bodnar, che nella cronometro individuale corsa oggi nel centro di Marsiglia ha percorso 22,5 chilometri in 28 minuti e 15 secondi, appena un secondo in meno del secondo classificato, il connazionale Michał Kwiatkowski. La notizia più importante, però, è che la maglia gialla Chris Froome, terzo classificato nella cronometro, è riuscito a mantenere il proprio distacco da Romain Bardet e Rigoberto Uran, e quindi si può già considerare il vincitore della 104ma edizione del Tour de France: domani, al termine dell’ultima tappa — la “passerella” sugli Champs-Élysées di Parigi — verrà premiato come vincitore della corsa per la terza volta di fila e per la quarta in carriera.

Froome, capitano del team Sky, aveva iniziato il Tour de France da favorito in quanto vincitore delle ultime due edizioni e miglior corridore da corse a tappe degli ultimi anni, fortissimo sia a cronometro che in salita, per giunta aiutato da una squadra nettamente più forte di tutte le altre. Dietro Froome, Bardet ha perso la seconda posizione dopo essere stato superato da Uran. Il miglior italiano in classifica generale, Fabio Aru, non è riuscito a superare lo spagnolo Mikel Landa in quarta posizione ma ha mantenuto la quinta.

L’ordine di arrivo della 20ª tappa del Tour de France:

1) Maciej Bodnar 28′ 15”
2) Michał Kwiatkowski + 00′ 01”
3) Chris Froome + 00′ 06”
4) Tony Martin + 00′ 14”
5) Daryl Impey + 00′ 20”
6) Alberto Contador + 00′ 21”
7) Niklas Arndt + 00′ 28”
8) Rigoberto Uran + 00′ 31”
9) Stefan Kung + 00′ 34”
10) Sylvain Chavanel + 00′ 37”