Angela Merkel (JOHN MACDOUGALL/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 27 giugno 2017

Angela Merkel ha cambiato idea sui matrimoni gay

Prima era contraria, ora dice che – per un incontro "memorabile" e per ragioni politiche – potrebbe lasciare libertà di coscienza ai suoi parlamentari

Angela Merkel (JOHN MACDOUGALL/AFP/Getty Images)

La cancelliera tedesca Angela Merkel si è detta favorevole a lasciare libertà di coscienza ai parlamentari del suo partito quando verrà votata in Parlamento la legge per legalizzare i matrimoni gay. Queste dichiarazioni di Merkel, fatte lunedì sera a un evento organizzato dalla rivista femminile tedesca Brigitte, sono state molto riprese dalla stampa nazionale e internazionale, per almeno due motivi: sia perché finora la posizione di Merkel e del suo partito era stata di relativa chiusura sul tema e aveva creato di fatto un’impasse parlamentare da cui non sembrava si potesse uscire; sia per le implicazioni politiche di un tale cambiamento, che secondo alcuni osservatori si deve all’avvicinarsi delle elezioni parlamentari, che si terranno in Germania nel settembre 2017.

La Germania ha una legge sulle unioni civili ma è uno dei pochi paesi occidentali a non avere ancora una legge che permetta i matrimoni gay (un altro è l’Italia). Il principale partito che ha governato la Germania negli ultimi dodici anni, l’Unione Cristiano-Democratica (CDU) di Angela Merkel, si è opposto alle proposte dell’opposizione, anche per non entrare in conflitto con l’Unione Cristiano Sociale in Baviera (CSU), partito della Baviera legato alla CDU e grande difensore della cosiddetta “famiglia tradizionale”. Merkel ha espresso più volte le sue riserve sull’eventualità di legalizzare i matrimoni gay, nonostante in Germania dal 2001 esista già una legge che garantisce le unioni civili: il problema per la CDU sarebbe estendere alle coppie gay la possibilità di adottare dei bambini.

Lunedì sera Merkel ha però detto che i matrimoni gay sono “una questione davvero personale” che non andrebbe politicizzata, e ha espresso il suo favore a lasciare libertà di coscienza, cosa che secondo molti dovrebbe garantire i voti per l’approvazione della legge. Durante il suo intervento Merkel ha detto di avere cambiato idea dopo avere avuto un “incontro memorabile” con una coppia di donne lesbiche della costa baltica della Germania, che hanno in affidamento otto bambini. Secondo alcune ipotesi riprese dai giornali, comunque, la posizione della CDU sarebbe cambiata principalmente per ragioni elettorali. I Socialdemocratici, i Verdi e il Partito Democratico Libero – tutti potenziali alleati della CDU nella nuova coalizione di governo che si dovrà formare a settembre dopo le elezioni – hanno detto che un accordo sui matrimoni gay è una condizione imprescindibile per iniziare a discutere con la CDU.

La posizione espressa da Merkel lunedì sera non sembra solo la risposta alle richieste dei potenziali alleati di governo della CDU. La CDU potrebbe anche avere voluto togliere un argomento piuttosto forte di campagna elettorale ai suoi oppositori, oltre al fatto che gli ultimi sondaggi realizzati in Germania mostrano un grande consenso verso la legalizzazione dei matrimoni gay. Diversi parlamentari, intanto, hanno cominciato a chiedere che si voti la legge prima della pausa estiva del Parlamento, che inizierà venerdì sera. Per il momento non è ancora stato deciso nulla.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.