Un gruppo di musulmani durante la preghiera del venerdì all'inaugurazione della moschea Ibn Rushd-Goethe, a Berlino, il 16 giugno 2017 (Maurizio Gambarini/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Mondo
  • domenica 18 Giugno 2017

A Berlino ha aperto una moschea dove donne e uomini possono pregare insieme

Ed è aperta a sciiti e sunniti, oltre che ai musulmani omosessuali

Un gruppo di musulmani durante la preghiera del venerdì all'inaugurazione della moschea Ibn Rushd-Goethe, a Berlino, il 16 giugno 2017 (Maurizio Gambarini/picture-alliance/dpa/AP Images)

Il 16 giugno a Berlino, in Germania, è stata inaugurata una moschea aperta a tutte le confessioni dell’Islam (quindi sia a sunniti che a sciiti) dove donne e uomini possono pregare insieme invece che in ambienti separati, e nella quale ci possono essere imam donne. È aperta anche ai musulmani omosessuali, ed è la prima di questo tipo in Germania. È nata grazie all’impegno dell’avvocata e attivista per i diritti delle donne Seyran Ateş, che è musulmana e di origine turca, e a donazioni private di persone di origine turca, araba e curda. Si trova nel quartiere di Moabit, che è compreso tra Wedding, Mitte, Tiergarten, Hansaviertel e Charlottenburg e ha un’alta percentuale di abitanti immigrati. Occupa una sala presa in affitto al terzo piano di una chiesa protestante, la Johanniskirche. È l’ottantottesima moschea di Berlino ed è stata intitolata al filosofo medievale Averroè (Ibn Rushd in arabo) e allo scrittore tedesco Johann Wolfgang von Goethe.

Tradizionalmente uomini e donne pregano in spazi separati nelle moschee. Alcuni musulmani però fanno notare che il Corano non prescrive questa separazione, mentre altri dicono che le voci femminili non dovrebbero sentirsi durante le preghiere o che gli uomini non dovrebbero essere distratti vedendo i corpi delle donne nelle moschee. In giro per il mondo, ad esempio a Londra e negli Stati Uniti, esistono già moschee simili a questa.

Durante l’inaugurazione, Ateş ha detto: «Vogliamo mandare un segnale contro il terrorismo islamico e l’uso improprio della nostra religione. Vogliamo praticare la nostra religione insieme». Ha anche aggiunto che non permetterà agli ultraconservatori di «derubarla del proprio diritto di essere musulmana». All’apertura della moschea ha partecipato un gruppo di fedeli musulmani di entrambi i sessi. Alcune delle donne portavano il velo, altre no: una delle caratteristiche della moschea è che le donne possono scegliere se coprirsi la testa o meno.

La sala, che è grande 90 metri quadrati, è stata allestita gratuitamente da un’architetta indonesiana; i trenta tappeti per la preghiera sono stati portati da Istanbul dalla sorella di Ateş. Per ora la sala è stata affittata per un anno: Ateş e le altre sette persone che gestiscono con lei la nuova moschea sperano di poterla spostare in un altro posto in futuro, in modo da avere diverse stanze per ciascuna delle confessioni islamiche e creare anche uno spazio per la formazione di imam, uomini e donne, con una visione dell’Islam simile alla loro.

In passato Ateş ha partecipato a campagne contro i matrimoni forzati, la violenza domestica e il “delitto d’onore” tra gli immigrati musulmani. Nel 1984 rischiò di morire dopo che un uomo le sparò mentre lavorava come avvocata per le donne turche: la sua cliente, colpita a sua volta, morì. Ci sono voluti otto anni perché Ateş riuscisse ad aprire la moschea Ibn Rushd-Goethe. Molti finanziatori iniziali hanno abbandonato il progetto nel tempo, pensando che fosse troppo rischioso. Ateş ha già ricevuto critiche e minacce in relazione all’apertura della moschea, sia da parte di persone di estrema destra sia da parte di musulmani che non sono d’accordo con la sua interpretazione dell’Islam. Ora Ateş, che dal 2006 ha smesso di esercitare la professione di avvocata a causa delle minacce di morte che riceveva, ha in programma di fare studi religiosi e di arabo per diventare imam.