Filippo Inzaghi poco dopo aver segnato il primo gol del Milan durante la finale di Champions League 2006/2007 disputata ad Atene il 23 maggio 2007 (Laurence Griffiths/Getty Images)
  • Sport
  • martedì 23 maggio 2017

La finale di Atene, dieci anni fa

Cioè quella partita, giocata dieci anni fa esatti, in cui il Milan si prese la Champions League e una letteraria rivincita contro il Liverpool

Filippo Inzaghi poco dopo aver segnato il primo gol del Milan durante la finale di Champions League 2006/2007 disputata ad Atene il 23 maggio 2007 (Laurence Griffiths/Getty Images)

Esattamente dieci anni fa, il 23 maggio 2007, il Milan vinse per la settima volta nella sua storia la Champions League, il più prestigioso torneo europeo per squadre di calcio di club.

Fu una finale speciale per diversi motivi: fu l’ultima disputata da un gruppo di calciatori che da lì a qualche anno avrebbe cambiato squadra o smesso di giocare – da Paolo Maldini ad Andrea Pirlo, da Clarence Seedorf a Gennaro Gattuso – e fu vinta contro il Liverpool, che due anni prima aveva vinto la Champions League battendo in finale proprio il Milan dopo una rimonta così incredibile da restare nella storia del torneo, e diventare un trauma per i tifosi del Milan. Non solo è raro nel calcio che accadano rimonte come quella del Liverpool (da 3-0 a 3-3, con successiva vittoria del Liverpool ai rigori), è rarissimo che accadano nella finale di un torneo come la Champions League; ed è uno sviluppo all’altezza di un film o di un romanzo che soltanto due anni dopo, con praticamente lo stesso gruppo di giocatori e lo stesso allenatore, Carlo Ancelotti, il Milan sia riuscito a giocare di nuovo una finale di Champions League: e per giunta che l’abbia giocata di nuovo contro il Liverpool.

Nel 2007 finì 2-1 per il Milan: Filippo Inzaghi segnò al 45esimo e all’82esimo, il Liverpool tornò in partita all’89esimo con un gol di Dirk Kuyt ma non fu sufficiente. Quella del 2007 rimane l’ultima Champions League vinta dal Milan.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.