(EPA/FBI/ANSA)
  • Mondo
  • venerdì 31 marzo 2017

Le foto dell’attentato dell’11 settembre al Pentagono

Sono state rese pubbliche dall'FBI dopo che erano scomparse dal sito nel 2011: mostrano i danni causati dall'attentato meno raccontato di quel giorno

(EPA/FBI/ANSA)

L’FBI ha diffuso 27 foto dell’attentato meno raccontato avvenuto l’11 settembre 2001 negli Stati Uniti: quello contro la sede centrale del Dipartimento della Difesa (chiamato informalmente il Pentagono) nella contea di Arlington, in Virginia. Le foto sono state pubblicate su The Vault, un archivio online di documenti raccolti negli anni dall’FBI: inizialmente erano state presentate dai media americani come inedite, ma successivamente l’FBI ha chiarito che erano già state caricate sul sito nel 2011, ma poi erano sparite. Quel giorno un aereo della American Airlines partito poco prima da Washington e dirottato da alcuni terroristi di al Qaida si schiantò contro l’ala ovest del gigantesco complesso di uffici del Dipartimento, uccidendo 184 persone fra passeggeri e dipendenti del Pentagono. Le nuove foto mostrano soprattutto i danni creati dallo schianto – fra rottami dell’aereo, pezzi di muro crollati e oggetti probabilmente appartenuti ai passeggeri – e l’arrivo dei primi soccorritori. In precedenza, la scarsità di materiale fotografico sull’attentato al Pentagono aveva fatto nascere diverse teorie complottiste, tutte infondate.

– Leggi anche: L’11 settembre meno raccontato, la storia dell’attentato al Pentagono

Correzione: inizialmente il Post ha scritto che le foto diffuse dall’FBI erano inedite. In realtà, ha chiarito poi l’agenzia, erano già state diffuse, ma nel 2011 erano scomparse dal sito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.