L’originale promozione turistica per il nuovo libro di Jo Nesbø

Comprando "Sete", appena uscito in libreria, si può vincere un viaggio a Oslo, la città dell'ispettore protagonista: è un'idea mai vista nell'editoria

Per il lancio di Sete, il nuovo romanzo di Jo Nesbø, Einaudi ha avuto un’idea promozionale di cui non risultano precedenti, almeno nel mondo dell’editoria: un concorso per vincere un weekend per due persone a Oslo, in Norvegia, nei luoghi dell’ispettore Harry Hole, di cui Sete rappresenta il ritorno e l’undicesimo romanzo. Per partecipare al concorso bisogna inserire sul sito www.harryhole.it il codice che si trova sulla cartolina all’interno del libro. Jo Nesbø è uno degli autori di thriller più noti al mondo. Complessivamente i suoi romanzi hanno venduto 30 milioni di copie. Nesbø è nato a Oslo nel 1960, da ragazzo ha fatto il calciatore arrivando fino alla Nazionale under 19 (anche il fratello Knut, che morì nel 2013, è stato un calciatore professionista), ha fondato un gruppo rock, i Di Derre, dove continua a suonare la chitarra e a cantare ancora oggi, ha lavorato come giornalista e come broker di borsa ed è un appassionato di scalate (non in borsa, in montagna).

nesbø

Come in quasi tutti i precedenti romanzi di Nesbø, anche in Sete le vittime sono donne, esattamente tre, come in Il leopardo. Due vengono trovate morte in casa, una ferita sulle scale del palazzo dove abita. Tutte erano iscritte a Tinder, l’app per incontrarsi. A indagare, naturalmente, è Harry Hole, il famoso detective, che ormai ha cinquant’anni e, per fortuna, ha smesso di bere. Jo Nesbø sarà in Italia, a Milano: lunedì 27 marzo all’anteprima di Tempo di libri al Teatro Elfo Puccini alle 21 con Chiara Valerio e Carlo Lucarelli; martedì 28 dalle 18 alla libreria di Mondadori di piazza Duomo per un firma copie. Il giorno dopo, 29 marzo, sarà il suo cinquantasettesimo compleanno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.