(ANSA/ANGELO CARCONI)
  • Italia
  • mercoledì 8 marzo 2017

Orari e informazioni sullo sciopero dell’8 marzo

Riguarderà per 24 ore treni, aerei e trasporto locale: le cose da sapere

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Uno sciopero è stato organizzato per mercoledì 8 marzo: è uno sciopero generale che interessa tra gli altri settori i trasporti, e quindi potrebbero esserci disagi per chi deve viaggiare in treno, in aereo o con i mezzi pubblici. Lo sciopero dell’8 marzo è organizzato in tutto il mondo – e quindi non solo l’Italia – dal “Movimento Internazionale delle Donne” e rilanciato in Italia dal movimento “Non una di meno”, in concomitanza con la “festa della donna”, per protestare contro la violenza di genere.  Lo sciopero è stato proclamato dai sindacati Usi, Slai Cobas, Cobas, Confederazione dei Comitati di Base, Usb, Sial Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb e Flc e avrà una durata di 24 ore. Cgil, Cisl e Uil, tra i sindacati più grandi in Italia, non hanno invece aderito allo sciopero: Cgil sul suo sito ha però scritto che promuoverà incontri a tema sul posto di lavoro e “garantirà l’effettuazione dello sciopero”.

Sciopero dei treni e degli aerei

Lo sciopero dell’8 marzo riguarderà trasporto ferroviario, aereo e il trasporto locale di molte città. Per quanto riguarda i treni, Trenitalia ha comunicato che lo sciopero inizierà a mezzanotte di martedì 7 marzo e si concluderà alle 21 dell’8 marzo. Trenitalia ha comunicato che potranno esserci cancellazioni e ritardi su tutte le linee, mentre sarà garantito il servizio delle Frecce. Oltre a Trenitalia lo sciopero riguarderà anche i treni di Italo: chi invece dovesse viaggiare con Italo potrà a trovare a questo link la lista di tutti i treni garantiti l’8 marzo.

Per quanto riguarda Trenord – che gestisce il trasporto ferroviario in Lombardia – l’azienda ha comunicato che i treni a lunga percorrenza e il servizio Regionale, Suburbano e Aeroportuale potrebbero subire ritardi, variazioni e cancellazioni.
Nel caso in cui fossero cancellati i collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna/Milano Centrale – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona” potranno essere sostituiti da autobus per le sole tratte “Luino – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Milano Cadorna”. Viaggeranno i treni inseriti nella lista dei ”Servizi Minimi Garantiti” la cui partenza da orario ufficiale è prevista dopo le ore 06:00 e l’arrivo a destinazione finale entro le ore 09:00, e quelli la cui partenza da orario ufficiale è prevista dopo le ore 18:00.

Lo sciopero generale dell’8 marzo coinvolgerà anche i trasporti aerei dalla mezzanotte di martedì 7 marzo alle 23.59 di mercoledì. Saranno garantite delle fasce orarie in cui gli aerei viaggeranno sicuramente, dalle ore 7 alle 10 e dalle ore 18 alle 21: qui potete trovare una lista dettagliata dei aerei che voleranno regolarmente.

Lo sciopero a Roma e Milano

Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, invece, si sa che sia a Roma sia a Milano il servizio di metropolitana e bus potrebbe subire ritardi e cancellazioni a causa dello sciopero. Secondo ATM, l’azienda dei trasporti della città di Milano, sono previsti ritardi e cancellazioni dalle 8.45 alle 15.00 e dalle 18.00 al termine del servizio. A Roma lo sciopero riguarderà bus, tram, metropolitane gestite da ATAC, le ferrovie Roma-Civitacastellana-Viterbo e Roma-Lido e le linee periferiche gestite dalla società Roma Tpl. Sono comunque previste delle fasce di garanzia fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Nella notte tra l’8 e il 9 marzo non è garantito il servizio dei bus notturni e della linea 913.

Sciopero di scuola e sanità

Lo sciopero riguarderà anche i lavoratoti di scuole, università, enti pubblici di ricerca e alta formazione artistica e musicale, iscritti al sindacato Flc-Cgil, e i lavoratori del servizio sanitario nazionale, iscritti al sindacato Cub-Sanità.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.