• postit
  • venerdì 13 Gennaio 2017

Un tribunale ungherese ha condannato a tre anni di libertà vigilata la giornalista che nel settembre 2015 fece lo sgambetto a un migrante

Un tribunale ungherese ha condannato a tre anni di libertà vigilata Petra Laszlo, la giornalista che nel settembre 2015 fece lo sgambetto a un migrante sul confine tra Serbia e Ungheria. L’episodio fu ripreso vicino alla città ungherese di Roszke, causò il licenziamento di Laszlo da N1TV (una televisione ungherese nazionalista di destra) e provocò reazioni indignate da tutto il mondo. La donna è apparsa in in videoconferenza scoppiando più volte e piangere durante l’udienza. Ha dichiarato di aver ricevuto minacce di morte e di essere stata oggetto di una “campagna di odio” nei suoi confronti.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.