• Italia
  • giovedì 22 dicembre 2016

C’è una donna italiana tra i morti di Berlino

Lo ha confermato la magistratura tedesca a Gentiloni e Alfano: si chiamava Fabrizia Di Lorenzo, aveva 31 anni

(Sean Gallup/Getty Images)

Una delle dodici persone uccise nell’attentato di lunedì a Berlino è una donna italiana, Fabrizia Di Lorenzo: lo hanno confermato il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e il ministro degli Esteri, Angelino Alfano. Da giorni Di Lorenzo era considerata dispersa: il suo cellulare era stato trovato nei pressi del posto in cui il camion ha investito la folla e dal momento dell’attentato nessuno era più riuscito a mettersi in contatto con lei.

Di Lorenzo, originaria di Sulmona, aveva 31 anni e viveva a Berlino. Si era laureata all’università La Sapienza di Roma in mediazione linguistico-culturale, e poi in relazioni internazionali e diplomatiche a Bologna. Già il giorno successivo all’attacco, Alfano aveva detto di avere «indicazioni che ci portano a non escludere in questo momento l’ipotesi che ci possa essere una vittima italiana», ma che fosse necessario aspettare conferme dalla polizia tedesca. Oggi lo stesso Alfano ha diffuso una nota con quella conferma: «La magistratura tedesca, così come ha comunicato il ministero degli Affari Esteri della Germania, ha esaurito le verifiche necessarie e purtroppo, ormai, c’è la certezza che, fra le vittime, c’è l’italiana Fabrizia Di Lorenzo. Sono affettuosamente vicino alla famiglia e ai suoi cari, condividendone l’immenso dolore».

Il principale sospettato per l’attentato di lunedì a Berlino in cui sono morte 12 persone, si chiama Anis Amri ed è ancora ricercato dalla polizia federale tedesca: nei suoi confronti è stato emesso un mandato di arresto europeo ed è stata promessa una ricompensa di 100.000 euro per chi fosse in grado di fornire informazioni che aiutino la polizia ad arrestarlo. Intanto sono emersi nuovi dettagli sul suo conto, diffusi sia dalla polizia tedesca che dalla stampa. La più importante è stata comunicata da Ralf Jäger, ministro degli Interni della Renania Settentrionale-Vestfalia, che ha detto che Amri era già indagato da diverse agenzie di sicurezza tedesche perché sospettato di preparare «un grave atto di violenza contro lo stato». Ieri sera è anche venuto fuori che, prima di arrivare in Germania, Amri aveva passato quattro anni in carcere in Italia per avere partecipato a una violenta rivolta nel centro di accoglienza dei migranti a Lampedusa. Intanto Bild ha scritto che quattro persone sono state arrestate oggi in Germania con l’accusa di essere coinvolte in qualche modo con l’attentato a Berlino.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.