Un gruppo di ribelli siriani dopo aver riconquistato il villaggio di Rael, vicino a Dabiq, lo scorso 9 ottobre. (NAZEER AL-KHATIB/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 16 Ottobre 2016

I ribelli siriani hanno ripreso Dabiq dall’ISIS

È una piccola città con poca importanza strategica, ma al centro di molta propaganda dello Stato Islamico

Un gruppo di ribelli siriani dopo aver riconquistato il villaggio di Rael, vicino a Dabiq, lo scorso 9 ottobre. (NAZEER AL-KHATIB/AFP/Getty Images)

Domenica 16 ottobre i ribelli siriani hanno riconquistato dallo Stato Islamico Dabiq, una piccola città di circa tremila abitanti nel nord della Siria. Dabiq non è una città particolarmente importante dal punto di vista strategico – come lo è ad esempio Mosul, grande città irachena dove si attende per le prossime un’importante battaglia – ma ha una rilevanza centrale nella propaganda dello Stato Islamico. La rivista in inglese del gruppo terrorista si chiama proprio Dabiq, e secondo alcune tradizioni musulmane la città è il luogo dove dovrebbe avvenire la “battaglia finale” tra l’Islam e i suoi nemici. Lo Stato Islamico ha molto insistito su queste profezie apocalittiche, e ha scelto la città come sfondo per alcuni importanti video di propaganda, come quello del 2014 in cui il terrorista conosciuto come Jihadi John decapitò alcuni prigionieri, tra cui l’americano Abdul-Rahman Kassig. Nel video, Jihadi John diceva: «Siamo qui, a sotterrare i primi crociati americani a Dabiq, aspettando con ansia che arrivi il resto del vostro esercito».

L’Esercito Libero Siriano ha riconquistato Dabiq con il sostegno di carri armati e aerei dell’esercito turco, nell’ambito di una più ampia offensiva contro lo Stato Islamico nella regione. Secondo quanto ha detto l’Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, i miliziani dello Stato Islamico si erano ritirati prima dell’arrivo dei ribelli siriani. Ahmed Osman, comandante di un gruppo di ribelli che hanno partecipato all’offensiva, ha detto a Reuters che è stato riconquistato anche il vicino villaggio di Soran.