(Mikko Stig/Lehtikuva, via AP, File)
  • Mondo
  • sabato 15 ottobre 2016

Alla fine la Norvegia non regalerà una montagna alla Finlandia

Lo avevano chiesto molti norvegesi in occasione dell'anniversario dell'indipendenza finlandese: ma non si può, dice il primo ministro

(Mikko Stig/Lehtikuva, via AP, File)

Il primo ministro norvegese Erna Solberg ha detto che la cessione della montagna Halti alla Finlandia, una proposta nata da una campagna online mesi fa e che aveva attirato le attenzioni dei giornali internazionali, non è possibile. «Questa proposta creativa ha ricevuto un’accoglienza molto positiva da parte del pubblico», ha detto Solberg: «Sono felice che questa idea sia stata presentata e credo che sia il segno di quanto siano vicini i nostri due paesi», ma, ha aggiunto il primo ministro, «i cambiamenti di confine sollevano spesso problemi legali molto complessi».

Dallo scorso dicembre i giornali internazionali si erano occupati della proposta di alcuni cittadini norvegesi regalare la cima di una montagna alla Finlandia, in occasione del centesimo anniversario della sua indipendenza. La Finlandia, infatti, è un paese piuttosto piatto, la cui vetta più alta è il monte Halti. Il confine finlandese arriva a pochi metri dalla vetta, a 1.324. Appena una ventina di metri più a nord, la vetta vera e propria, alta 1.361 metri, si trova in territorio norvegese.

Per questo motivo, diversi cittadini norvegesi, tra cui il sindaco della città di Kafjord, vicino al monte Halti, il geofisico norvegese Bjørn Geirr Harsson, il capo dell’autorità per la mappatura della Norvegia e migliaia di norvegesi hanno pensato di regalare alla Finlandia la cima della montagna, spostando il confine di pochi metri. L’idea era stata accolta positivamente da moltissimi norvegesi: un commentatore sul sito del giornale finlandese Ilta Sanomat aveva scritto per esempio che «è un’idea coraggiosa, in Finlandia verrà ricordata per un migliaio di anni».

Il governo norvegese, però, non si era interessato molto alla questione, e le lettere di Harsson al ministero degli Esteri sono rimaste perlopiù inascoltate. Quando il primo ministro Erna Solberg ha finalmente deciso di rispondere a una lettera del sindaco di Kafjord, ha spiegato che regalare la cima del monte Halti alla Finlandia non è possibile per problemi legati alle modifiche del confine.

L’articolo uno della costituzione norvegese, infatti, stabilisce che il paese è “indivisibile e inalienabile”. In altre parole, regalare anche solo una manciata di metri di territorio norvegese rappresenta una violazione della costituzione. A conclusione della sua lettera, il primo ministro ha aggiunto: «Penseremo a un altro regalo che sia altrettanto degno per festeggiare i cento anni della Finlandia».

Per quasi mille anni la Finlandia è stata dominata da potenze straniere. La dominazione svedese è cominciata nel Dodicesimo secolo ed è stata sostituita da quella russa nel corso del Diciannovesimo. Il paese ha ottenuto l’indipendenza nel 1917, in seguito alla Rivoluzione russa. L’anniversario dei primi cento anni della sua indipendenza sarà celebrato il 6 dicembre del 2017.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.