Uno dei simboli della manifestazione Czarny Protest.
  • Mondo
  • lunedì 3 ottobre 2016

Lo sciopero delle donne in Polonia

Contro un disegno di legge che se approvato vieterebbe praticamente ogni forma di aborto: ci sono manifestazioni anche in varie città europee, con lo slogan "Czarny Protest"

Uno dei simboli della manifestazione Czarny Protest.

Lo scorso 23 settembre la camera bassa del parlamento della Polonia ha votato a favore di un disegno di legge che – se definitivamente approvato – vieterebbe praticamente ogni forma di aborto, in un paese dove la pratica dell’interruzione di gravidanza è già ristretta a pochissimi casi: 267 deputati su 460 hanno votato a favore della proposta, che ora dovrà affrontare altri due passaggi parlamentari. Da allora si sono intensificate le proteste delle donne polacche e di gruppi di femministe e attiviste di tutto il mondo: lunedì 3 ottobre, in Polonia c’è stato uno sciopero generale delle donne e ci sono state manifestazioni anche nelle principali città d’Europa. Il nome del movimento è Czarny Protest, “proteste in nero”.

Le organizzatrici della giornata hanno proclamato uno sciopero totale. Nella tradizione dei movimenti femministi ci sono diversi episodi simili, molto famosi e spesso legati a una sospensione delle “attività” in un particolare ambito: il sesso. Nel 2010 a Dado, nell’isola di Mindanao nelle Filippine, un gruppo di donne riuscì a porre fine alle violenze tra clan rivali grazie a questo sistema. Lo stesso anno le donne della città colombiana di Barbacoas dichiararono uno sciopero del sesso durato tre mesi e 19 giorni, e il sacrificio convinse le autorità a migliorare le condizioni delle strade tra Barbacoas e le città vicine: il ministro dei trasporti German Cardona promise in quel caso di investire 21 milioni di dollari per sistemare una prima parte della vecchia carreggiata.

Il modello delle donne polacche è però lo sciopero che 41 anni fa, nel 1975, venne organizzato in Islanda e che determinò la paralisi del paese: il 90 per cento delle islandesi si rifiutò di lavorare, di cucinare e di prendersi cura dei propri figli per un giorno intero, nel mese di ottobre. Quella giornata venne decisa per dimostrare l’importanza del contributo delle donne alla società e per chiedere uguaglianza di trattamento e di salario. In quel caso non venne usato il termine sciopero, ma “giorno libero delle donne”.

In Polonia le donne che hanno aderito allo sciopero non sono andate al lavoro, non sono andate all’università, hanno lasciato i bambini alla cura di qualcun altro e non si sono occupate delle faccende di cui di solito di occupano. Sono scese a migliaia per le strade di Varsavia, Danzica e di altre città più piccole del paese vestite di nero, in segno di lutto per la possibile perdita dei loro diritti e della loro libertà, e sventolando delle grucce (simbolo dell’aborto clandestino). Accanto a loro hanno partecipato anche di molti uomini. Il Guardian scrive che per ora è difficile valutare l’adesione allo sciopero nelle piccole città e nelle zone rurali, che tendono ad essere più conservatrici, ma dice anche che la partecipazione nelle città principali è «significativa». Alcune presentatrici e presentatori dell’emittente privata TVN24 oggi si sono vestiti di nero, e il municipio di Częstochowa, una delle città della Polonia considerate più cattoliche e rigorose, ha fatto sapere che almeno il 60 per cento delle lavoratrici non si era presentato.

Il disegno di legge attualmente in discussione arriva da una proposta di diversi gruppi religiosi cattolici, appoggiata anche dalla Conferenza episcopale polacca (una delle più conservatrici in Europa): sono state raccolte 100 mila firme ed è stata presentata al governo una proposta di legge di iniziativa popolare che consente l’aborto solo nel caso in cui sia necessario per salvare la vita della madre, e che aumenta da due a cinque anni di carcere la pena per chi procura aborti illegalmente o per chi decide di averli.

Dall’ottobre del 2015 il partito di maggioranza in Polonia è Diritto e Giustizia (Pis), un partito molto di destra di cui fa parte anche Beata Szydło, la prima ministra. Diritto e Giustizia ha vinto le elezioni anche grazie al sostegno della Chiesa cattolica (il 90 per cento dei cittadini polacchi si definisce cattolico) e promettendo, tra le altre cose, importanti riforme di politica interna a favore della cosiddetta “famiglia tradizionale”. Dopo gli interventi del governo per aumentare il proprio controllo sul Tribunale Costituzionale (la più alta corte del paese), sulle agenzie anti-corruzione, sui servizi segreti e sui media, il governo sta cercando ora di far passare una legge che sostanzialmente rende impossibile interrompere legalmente una gravidanza.

Malgrado le proteste siano arrivate sulle prime pagine dei giornali solo negli ultimi giorni è dallo scorso aprile che ci sono in Polonia manifestazioni di protesta a cui partecipano migliaia di persone. Lo scorso 3 aprile, quando in tutte le chiese del paese i sacerdoti lessero un comunicato della Conferenza episcopale polacca in cui si chiedeva alle autorità politiche di difendere la vita fin dal concepimento, alcuni gruppi di donne avevano abbandonato la messa; la pagina Facebook della prima ministra era stata riempita da migliaia di messaggi di cittadine che la accusavano di voler «controllare i nostri uteri, le nostre ovaie e le nostre gravidanze» e che descrivevano nei dettagli il loro ciclo mestruale. Tre ex first ladies polacche, Danuta Wałęsa, Jolanta Kwaśniewska e Anna Komorowski, avevano preso pubblicamente posizione contro la proposta scrivendo una lettera.

La Polonia ha già una legge sull’interruzione di gravidanza tra le più restrittive d’Europa. È stata approvata nel 1993 e consente l’aborto fino alla venticinquesima settimana solo in tre casi: pericolo di vita per la madre, gravissima malformazione del feto e stupro. Secondo i dati del sistema sanitario polacco, nel 2014 ci sono stati 1.812 aborti legali in Polonia, 500 in più circa dell’anno precedente. Secondo le organizzazioni femministe però sono tra le 100mila e le 200mila le donne polacche che ogni anno sono costrette a ricorrere all’aborto clandestino o ad andare all’estero per poter aver accesso a questo loro diritto (in genere in Slovacchia, Repubblica Ceca, Germania o Ucraina). Secondo il sondaggio di un giornale locale, il 74 per cento dei polacchi è favore della legislazione esistente, mentre una ricerca di Ipsos dice che il 50 per cento dei cittadini sostiene l’idea dello sciopero. Se la nuova legge dovesse passare, come sembra succederà, la Polonia diventerebbe uno dei paesi al mondo in cui l’aborto è quasi sempre illegale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.