Federico Pizzarotti lascia il M5S

Il sindaco di Parma ha spiegato perché lascia il partito con cui fu eletto nel 2012

Il sindaco di Parma Federico Pizzarotti durante una conferenza stampa a Parma, 23 maggio 2016. (ANSA/UFFICIO STAMPA COMUNE DI PARMA)

Lunedì 3 ottobre il sindaco di Parma Federico Pizzarotti ha parlato durante una conferenza stampa con i giornalisti per fare il punto sull’attività dell’amministrazione comunale di Parma e ha annunciato di lasciare il Movimento 5 Stelle. Pizzarotti è stato eletto nel 2012 con il Movimento e poi è stato sospeso dal partito nel maggio del 2016 dopo essere stato indagato per abuso d’ufficio e dopo varie polemiche con Beppe Grillo sulle scelte politiche del partito. L’indagine è stata poi archiviata, ma Pizzarotti era rimasto sospeso.

Durante la conferenza stampa Pizzarotti ha parlato della sua città e poi ha detto: «Da uomo libero non posso che uscire da questo M5S che non è quello che era quando è nato. Ho dovuto fare l’ultimo passo. Sono qui a dire quello che né il direttorio né altri hanno avuto il coraggio di dire: è evidente che non si sia voluta ricomporre una situazione che poteva ricomporsi. Da quando il procedimento è stato archiviato, nessuno ha mai chiamato se non qualche sparuto parlamentare. Questo è il 144esimo giorno da una sospensione illegittima che non è prevista dai regolamenti. Sono l’unico sospeso d’Italia». Pizzarotti ha anche fatto diverse critiche al Movimento: «Da quelli che volevano aprire il Parlamento, da quelli che volevano le telecamere dentro le aule, siamo diventati quelli delle stanze chiuse». E ancora: «Si dovrebbero vergognare per non aver preso una decisione. Avrebbero potuto espellermi».

Sono anni oramai che il sindaco di Parma non parla o non viene invitato alle grandi manifestazioni del Movimento, che riceve critiche da commentatori e opinionisti sul blog di Beppe Grillo e che viene considerato quasi un “traditore”. Le tensioni sono iniziate poco dopo l’elezione a sindaco di Pizzarotti nel 2012, che fu festeggiata dallo stesso Grillo come un grande successo – Parma è stato il primo capoluogo di provincia amministrato dal M5S. In campagna elettorale, Pizzarotti aveva promesso di bloccare la costruzione di un inceneritore, ma la misura si era dimostrata impossibile dopo l’elezione.

Da allora i rapporti tra il sindaco di Parma e il resto del M5S hanno continuato a peggiorare, anche a causa delle critiche che spesso Pizzarotti rivolgeva al Movimento in occasione delle numerose espulsioni di parlamentari avvenute dopo le elezioni 2013. La rottura principale avvenne probabilmente nel dicembre 2014, quando Pizzarotti organizzò a Parma un evento tra amministratori locali e parlamentari del Movimento che secondo i giornali rappresentava una sorta di riunione dell’opposizione interna a Grillo.

Poi arrivò la storia dell’indagine per abuso d’ufficio nella quale Pizzarotti era rimasto coinvolto che portò a una sua sospensione con un post sul blog di Beppe Grillo: Pizzarotti era stato accusato di non aver comunicato ai dirigenti del M5S di aver ricevuto mesi prima l’avviso di garanzia e si era difeso spiegando che da tempo cercava di contattare il direttorio del Movimento 5 Stelle senza ricevere risposta. Pizzarotti aveva anche postato sui social network numerosi screenshot per testimoniare questi tentativi e aveva fatto notare che il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, indagato per un caso simile al suo, aveva ricevuto solidarietà e appoggio da tutti i leader del Movimento. Lo scorso 16 settembre il Tribunale di Parma ha archiviato l’inchiesta per abuso di ufficio in cui Pizzarotti era coinvolto.

Dal 26 settembre, dopo l’incontro del Movimento 5 Stelle a Palermo, sul blog di Beppe Grillo gli iscritti possono votare le proposte di un nuovo regolamento e per modificare il cosiddetto “Non Statuto”. L’obiettivo delle modifiche è soprattutto precisare e chiarire le procedure delle espulsioni e delle sanzioni disciplinari. Si indicano in modo più dettagliato i comportamenti sanzionabili e si prevedono sanzioni differenziate. Diversi osservatori hanno notato come le modifiche su sospensioni ed espulsioni avrebbero potuto colpire, in particolare, Federico Pizzarotti. Dopo le modifiche proposte Pizzarotti rischiava infatti di non poter partecipare con il M5S alle elezioni amministrative che si terranno il prossimo anno. Questa mattina, dopo aver annunciato la sua uscita, Pizzarotti ha detto che a Parma non ci sarà alcuna crisi di maggioranza, che per i cittadini non cambierà nulla e ha spiegato di non aver deciso nulla su una sua eventuale ricandidatura: ha precisato «che questo epilogo non pone nessuna base né a livello locale né nazionale» e che attualmente «non c’è nessuna lista civica». Rispondendo alle domande dei giornalisti ha anche detto che al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre voterà “No”.

Mostra commenti ( )