Il M5S vota un nuovo regolamento e un nuovo “non statuto”

Il capo diventa ufficialmente un capo e ci sono novità su espulsioni, sospensioni e richiami: gli iscritti votano da oggi per un mese

Beppe Grillo, Palermo, 25 settembre 2016 (©Antonio Melita/Pacific Press via ZUMA Wire)

Da oggi, martedì 26 settembre, sul blog di Beppe Grillo gli iscritti del Movimento 5 Stelle possono votare le proposte di un nuovo regolamento e per modificare il cosiddetto “Non Statuto”. Le domande sono tre: “modificare il Non Statuto con il nuovo testo aggiornato”, “modificare il Regolamento del Movimento 5 Stelle con uno dei due testi proposti” e, nel caso si approvino modifiche del regolamento, quale dei due testi proposti si preferisce. Le votazioni dureranno un mese e si concluderanno il prossimo 26 ottobre.

Nei documenti si insiste molto sul ruolo del “capo politico” come organo del Movimento 5 Stelle accanto all’assemblea degli iscritti, al comitato di appello e a un altro nuovo collegio, il collegio dei probiviri. Il direttorio invece, organo intermedio tra leader e attivisti e attualmente composto da Luigi De Maio, Alessandro Di Battista, Carla Ruocco, Carlo Sibilia e Roberto Fico, non è nominato nei testi e non è chiaro se resterà in funzione in modo informale oppure no. Al raduno di Palermo dello scorso fine settimana Beppe Grillo aveva dichiarato di “essere il capo”.

L’obiettivo delle modifiche è soprattutto precisare e chiarire le procedure delle espulsioni e delle sanzioni disciplinari. Si indicano in modo più dettagliato i comportamenti sanzionabili e si prevedono sanzioni differenziate. In particolare: in una versione si prevedono ancora le sanzioni, in un’altra no, ma si prevede in questo secondo caso una sospensione a tempo indeterminato.

Diversi osservatori hanno notato come le modifiche su sospensioni ed espulsioni possano colpire, in particolare, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma eletto nel 2012 con il Movimento 5 Stelle e poi sospeso dal partito nel maggio del 2016 dopo essere stato indagato per abuso d’ufficio (l’indagine è stata archiviata lo scorso 16 settembre, Pizzarotti è rimasto sospeso), e dopo varie polemiche con Beppe Grillo sulle scelte politiche del Movimento. Dopo le modifiche proposte Pizzarotti rischia di non poter partecipare con il M5S alle prossime elezioni amministrative che si terranno il prossimo anno: qualsiasi documento sarà approvato, potrebbe rimanere “sospeso” dal M5S oltre la data delle elezioni.

“Non Statuto”
Il Movimento 5 Stelle ha un regolamento (un “Non Statuto”) che stabilisce nel dettaglio diverse cose: che cos’è il Movimento 5 Stelle (una “non Associazione”), qual è il suo simbolo, quali sono gli obiettivi, come vi si aderisce, quali sono le procedure per candidarsi e presentare liste a livello comunale, e come il partito si finanzia. Il “Non Statuto” è composto da 7 articoli e questa è la versione originale.

Il nuovo “Non Statuto” ha un articolo in più e qualche altra modifica. All’articolo 5, quello dedicato all’adesione, si dice che «la partecipazione al Movimento dura fino alla cancellazione dell’utente che potrà intervenire per volontà dello stesso o per mancanza o perdita dei requisiti di ammissione» e si aggiunge: «oltre che per le altre cause di cancellazione previste dal Regolamento» a cui si rimanda con un link (ci arriviamo). Il nuovo articolo, il numero 8, dice che il “Non Statuto” è integrato dalle disposizioni contenute nel Regolamento.

Va precisato come anche nel nuovo “Non Statuto” sia rimasto invariato l’articolo 4 che dice: «Il Movimento 5 Stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone della possibilità di realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi». In realtà il nuovo regolamento, in entrambe le versioni proposte, oltre all’assemblea degli iscritti introduce «altri organi».

Regolamento
I testi di modifica del regolamento proposti agli iscritti sono due: una versione modificata con espulsioni e una versione modificata senza espulsioni.

Entrambe hanno delle parti in comune. All’inizio si precisa meglio che «la procedura di identificazione ed accettazione (degli iscritti) viene effettuata dal gestore del sistema informatico del blog www.beppegrillo.it incaricato dal capo politico del Movimento 5 Stelle». Prima si parlava in modo più generico di «gestore del sito incaricato dal capo politico del Movimento 5 Stelle». Il riferimento implicito è a Davide Casaleggio.

Nella versione originale del regolamento, nella parte dei doveri degli iscritti al Movimento, si parlava di rispetto delle «decisioni assunte con le votazioni in rete». Nella nuova versione si richiede «di rispettare le decisioni assunte dall’assemblea degli iscritti con le votazioni in rete, nonché le decisioni assunte dagli altri organi del Movimento 5 Stelle». E si dice quali sono questi altri organi: oltre l’assemblea degli iscritti e il capo politico (riconosciuto ora ufficialmente), sono organi del Movimento 5 stelle  «senza alcuna funzione direttiva o rappresentativa: il collegio dei probiviri e il comitato di appello».

Il collegio dei probiviri è una novità: sarà composto da tre membri nominati dall’assemblea mediante votazione in rete «su proposta del capo politico del Movimento 5 Stelle» tra i componenti dei gruppi parlamentari. Il collegio resterà in carica tre anni, non sarà rinnovabile e sarà incompatibile con l’assunzione di incarichi governativi. Il collegio interverrà per giudicare chi viola le regole del Movimento, quindi su espulsioni, sanzioni, sospensioni.

Agli iscritti si chiede in più anche «di astenersi da comportamenti suscettibili di pregiudicare l’immagine o l’azione politica del Movimento 5 Stelle o di avvantaggiare altri partiti» e «di attenersi a lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti e portavoce».

In entrambi i documenti di modifica si propone poi di consentire a tutti gli iscritti di fare in futuro modifiche al testo del Regolamento stesso o del Non Statuto precisando che le eventuali modifiche su cui intervenire saranno «proposte dal capo politico del Movimento 5 Stelle». Agli iscritti si dà anche la possibilità di «nominare i membri di competenza del collegio dei probiviri» e di votare sulle «sanzioni disciplinari, ove la questione venga sottoposta all’assemblea». Nella versione originale si parlava solo di «espulsioni» e non di «sanzioni».

In entrambi i documenti si indicano in modo più dettagliato i comportamenti sanzionabili, si attribuisce la decisione al collegio dei probiviri ma si lascia a Beppe Grillo, in qualità di garante del M5S, la facoltà di annullare le sanzioni e di sottoporre la decisione ad una votazione on line degli iscritti.

Si prevedono sanzioni se candidati ad una carica elettiva per: «violazione delle regole e procedure per la presentazione e selezione delle candidature previste; promozione, organizzazione o partecipazione a cordate o gruppi riservati di iscritti; compimento di atti diretti ad alterare il regolare svolgimento delle procedure per la selezione dei candidati; violazione degli obblighi assunti all’atto di accettazione della candidatura; mancata cooperazione e coordinamento con gli altri iscritti, esponenti e portavoce, anche in diverse assemblee elettive, per la realizzazione delle iniziative e dei programmi del Movimento 5 Stelle, nonché per il perseguimento dell’azione politica del Movimento 5 Stelle».

Nella prima proposta di modifica del regolamento viene mantenuta la possibilità di procedere alle espulsioni, ma si prevede che si possano applicare, in casi meno gravi, altre sanzioni (richiamo e sospensione sino a dodici mesi). Nella seconda proposta di modifica non è più prevista la possibilità di espulsione e si prevedono sanzioni disciplinari come il richiamo, la sospensione fino a 24 mesi e, nei casi di perdita dei requisiti di iscrizione, la sospensione a tempo indeterminato.

In entrambe le proposte, infine, si precisano meglio le regole per le candidature e si dice: «Le regole relative al procedimento di candidatura e designazione a consultazioni elettorali nazionali o locali potranno essere meglio determinate dal capo politico del Movimento 5 Stelle, d’intesa con il comitato d’appello, in funzione della tipologia di consultazione ed in ragione dell’esperienza che verrà maturata nel tempo. Laddove il comitato d’appello non abbia espresso parere favorevole, le regole dovranno essere approvate dall’assemblea degli iscritti con votazione in rete».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.