• postit
  • lunedì 19 Settembre 2016

L’esercito siriano ha dichiarato la fine della tregua in Siria, accusando i ribelli di averla violata

L’esercito siriano fedele al presidente Bashar al Assad ha dichiarato finita la tregua in Siria cominciata lunedì scorso, e che avrebbe dovuto sospendere i combattimenti tra ribelli e governo. La tregua era stata raggiunta da Stati Uniti (che in Siria combattono contro lo Stato Islamico) e Russia (alleata di Assad): dopo i primi sette giorni di “riduzione significativa delle violenze”, l’accordo prevedeva l’inizio di una collaborazione militare tra Stati Uniti e Russia per bombardare lo Stato Islamico e Jabhat Fateh al Sham, il gruppo che fino a poco tempo fa era la divisione siriana di al Qaida. Non è chiaro se l’esercito siriano, e quindi Assad, abbia intenzione di ripristinare la tregua; non è chiaro nemmeno cosa succederà ora alla seconda fase dell’accordo. Per il momento Stati Uniti e Russia non hanno fatto dichiarazioni al riguardo.

Negli ultimi sette giorni, il governo siriano e i ribelli si sono accusati reciprocamente di avere violato la tregua.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.