• Cultura
  • giovedì 1 settembre 2016

Netflix: le nuove uscite di settembre in Italia

"La grande scommessa" già da oggi; la seconda stagione di "Narcos" da domani e a fine mese "Luke Cage" della Marvel e quattro film d'avventura con un protagonista niente male

il catalogo di Netflix – il famoso sito per vedere film e serie tv in streaming – viene aggiornato di continuo, aggiungendo o togliendo film ogni giorno. Molti nuovi arrivi sono all’inizio di ogni mese, altri sono sparsi più avanti, in modo più o meno casuale. Netflix non ha una pagina dedicata alle novità e nella maggior parte dei casi annuncia le cose nuove man mano che escono, usando la sua pagina FacebookTwitter. Alcune uscite – le cose più grosse e importanti – si sanno in anticipo, ma per tenere traccia giorno-dopo-giorno di cosa è arrivato e cosa se ne andrà dal catalogo esistono siti non ufficiali ben aggiornati: uno di quelli fatti meglio è Netflix Lovers. Abbiamo scelto le migliori nuove uscite dei primi giorni di settembre e raggruppato le cose più importanti per cui si sa già una data d’uscita, da qui a fine settembre. Tra le cose notevoli: è già disponibile La grande scommessa, vincitore dell’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale; dal 2 settembre arriva la seconda stagione di Narcos e a fine mese quattro film su uno di cui forse avete sentito parlare.

(Questi sono invece i film e le serie aggiunti al catalogo di Netflix ad agosto, se eravate in vacanza e ancora dovete recuperare).

Giovedì 1 settembre/1
Footloose: è il remake del 2011 dell’omonimo, e senza dubbio migliore, film del 1984: un musical, pieno di gente che balla. Quello del 2011 è diretto da Craig Brewer e interpretato da Kenny Wormald, Julianne Hough, Dennis Quaid e Ziah Colon. La buona notizia è che su Netflix c’è anche il film del 1984.

La grande scommessa: il regista è Adam McKay e nel cast ci sono Brad Pitt, Christian Bale, Ryan Gosling e Steve Carell. Racconta la vera storia di alcuni investitori che, negli anni prima del 2008, si accorsero della crisi finanziaria che stava per arrivare e decisero di “scommettere” contro il sistema per arricchirsi proprio grazie alla loro intuizione. Era candidato a cinque premi Oscar e ha vinto quello per la miglior sceneggiatura non originale. È strano – per spiegare complicati concetti di finanza il film c’è per esempio l’attrice Margot Robbie che parla di subprime in una vasca da bagno – ma originale e da-vedere. Il più importante critico del New Yorker lo recensì così: «Tutto quello che avreste voluto sapere sui credit-default swaps [i mancati pagamenti dei mutui] ma non avete mai osato chiedere».

Giovedì 1 settembre/2
Ancora non conosciamo il nome del fiore che abbiamo visto quel giorno: è una serie tv animata giapponese (un anime) divisa in 11 episodi di circa 20 minuti l’uno. In Italia andò già in onda nel 2012 su Rai 4; parla del fantasma di una ragazzina che dopo qualche anno si rivela a un ex compagno di giochi, per chiedergli una specie di favore.

City 40: è un documentario del 2016 e parla di una città russa nascosta e praticamente inaccessibile «i cui abitanti sono vincolati da un strano programma nucleare», dice Netflix. Nello spiegare la trama IMDb aggiunge: «la sola cosa più pericolosa dei segreti della città, è la verità».

Il giardino delle parole: è un film d’animazione giapponese ed è una storia davvero molto giapponese: parla di un ragazzo di 15 anni che vuol disegnare e costruire scarpe e nei giorni di pioggia salta la scuola e va sempre in un giardino in stile giapponese per disegnare e lì un giorno incontra una donna di 27 anni: non si sa chi sia, anche lei va al giardino solo quando piove.

Giovedì 1 settembre/3
Holy Hell: è un documentario del 2016, presentato al Sundance Film Festival. È diretto da Will Allen e parla dei 22 anni durante i quali lui fu un seguace del Buddhafield, uno di quegli strani e controversi culti new age, molto diffusi negli Stati Uniti. Allen racconta cosa voleva dire seguire quel culto e perché il suo leader Michel Rostand ebbe un grande successo. Poi le cose andarono male, sia per Rostand che per il culto.

Live and Let Die: è un documentario del 2013 in cui alcuni vegani spiegano i motivi della loro scelta e come si trovano dopo averla fatta.

Final Destination 3: uscì nel 2006 e fa parte di quella serie di film di discreto successo che parlano di persone che in qualche modo riescono a evitare quella che sembrava una morte ineluttabile, prima che La Morte decida che non è giusto che siano sopravvissuti e “vada a prenderli” uno a uno, in modi che sono macabri e – in certi casi – grotteschi. Se poi vi appassionate al genere su Netflix c’è anche Final Destination 5.

Indie Game: The Movie: è un documentario del 2012 – in genere recensito molto bene – che parla di quattro sviluppatori di videogiochi indipendenti mentre lavorano ai loro progetti.

Venerdì 2 settembre
Chef’s Table: France: su Netflix c’è già Chef’s Table, una molto apprezzata serie di documentari, ognuno dedicato a un diverso cuoco. Questa nuova versione è formata da quattro episodi ed è tutta dedicata alla Francia.

Narcos, seconda stagione: è la serie tv che racconta la storia del narcotrafficante colombiano Pablo Escobar e degli agenti della DEA – l’agenzia antidroga statunitense – che indagano su di lui. Narcos è una delle più solide argomentazioni usate da chi ha Netflix per convincere qualcuno che non è ancora abbonato a “farsi Netflix”: è stata recensita molto bene e apprezzata anche dal pubblico.

6 settembre e 7 settembre
Rumble in Hong Kong
: uscì nel 1973 e su Netflix arriverà il 6 settembre. È un film di arti marziali con Jackie Chan. Il voto medio del film su IMDb è 3,3: su 10. Che può essere un buon motivo per vederlo, in qualche modo.

Dal tramonto all’alba – La serie (terza stagione): è una serie tv creata da Robert Rodriguez, il regista del film Dal tramonto all’alba, che uscì nel 1996 con George Clooney come attore e con Quentin Tarantino come attore e sceneggiatore. Tarantino e Clooney interpretavano i fratelli Gecko, protagonisti anche della serie tv e ora interpretati da D.J. Cotrona e Zane Holtz. La puntate usciranno a cadenza settimanale, non tutte insieme “alla Netflix”.

12 settembre e 13 settembre
City of God: Ten Years Later: quando si vedono certi film si vorrebbe sapere poi cosa ne è stato degli attori. Questo documentario brasiliano nel 2013 spiega cosa ne è stato dei ragazzini protagonisti di City of God, un bellissimo film del 2002 sulla criminalità organizzata nelle favelas. Arriverà su Netflix il 13 settembre.

Zoo, prima stagione: è una serie tv prodotta da CBS, uno dei più grandi network televisivi degli Stati Uniti e la premessa è: «In varie parti del mondo gli animali assumono comportamenti violenti attaccando l’uomo. Quando gli attacchi degli animali si fanno sempre più frequenti e feroci, lo zoologo Jackson Oz viene incaricato di risalire alle cause di questa pandemia». È certamente strana ma c’è chi ne ha parlato bene. Uproxx lo ha definito “la cosa più folle che c’è in tv” e ha spiegato che, tra le altre cose, si parla di pipistrelli kamikaze.

La seconda metà di settembre/1
Jackass presenta: Nonno cattivo: il gruppo di Jackass è un gruppo di mezzi matti diventati famosi nei primi anni 2000 per dei programmi televisivi in cui facevano cose stupide: cose da stuntman, cose da pazzi, cose che sono delle specie di candid camera, e in certi casi cose che fanno schifo e basta. Questo film, che arriverà su Netflix il 16 settembre, è basato tutto sulle gag di alcuni personaggi che si mascherano da anziani e fanno cose che non ci si aspetterebbe di veder fare a degli anziani.

Le regole del delitto perfetto, prima stagione: è una serie tv di genere thriller e giudiziario. È stata prodotta da Shonda Rhimes, la produttrice di Grey’s Anatomy e Scandal e l’attrice principale è Viola Davies: interpreta una professoressa di diritto penale e parla dei casi di cui deve occuparsi insieme ad alcuni dei suoi migliori studenti. Sarà su Netflix dal 27 settembre.

La seconda metà di settembre/2
Luke Cage: arriverà su Netflix il 30 settembre ed è una serie tv su un supereroe Marvel. La cosa da vedere se vi sono piaciuto Jessica Jones e Daredevil. Luke Cage è un ex detenuto che combatte il crimine per le strade di New York ed è interpretato da Mike Colter.

I quattro Indiana Jones: il 30 settembre arriveranno su Netflix i quattro film su Indiana Jones: il regista è Steven Spielberg, l’attore protagonista Harrison Ford, nel caso servisse dirlo. I primi tre – I predatori dell’arca perduta, Indiana Jones e il tempio maledetto e Indiana Jones e l’ultima crociata  – uscirono tra il 1981 e il 1989 e già contano come grandi classici del cinema d’avventura. Il quarto – Indiana Jones e il teschio di cristallo – è uscito nel 2008 e non è piaciuto quasi a nessuno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.