Michelle Marie (foto dall'account Twitter di Michelle Marie)
  • Mondo
  • martedì 23 Agosto 2016

La donna che gestiva l’account Twitter @ireland è stata riempita di insulti

È un profilo gestito ogni settimana da una persona diversa: Michelle Marie – nera, sovrappeso e di origini inglesi – ha ricevuto «otto ore non stop di odio»

Michelle Marie (foto dall'account Twitter di Michelle Marie)

L’account Twitter @ireland è seguito da 40 mila persone e dal 2012 viene gestito ogni settimana da una persona diversa che rappresenti l’Irlanda perché è irlandese o perché ci abita. Per la settimana iniziata lunedì 22 agosto è stata selezionata Michelle Marie, che si è presentata come madre, blogger e modella plus-size. Michelle Marie è nera, è originaria di Oxford nel Regno Unito, e ha spiegato di essersi trasferita in Irlanda qualche anno fa. Poche ore dopo la presa in carico dell’account, Marie ha cominciato a ricevere decine di insulti; dopo otto ore di attacchi razzisti e sessisti ha sospeso la sua partecipazione all’iniziativa. Questa mattina ha deciso di riprovarci.

Michelle Marie ha ricevuto insulti razzisti: le è stato scritto che siccome è nera non può essere rappresentativa degli irlandesi e le è stato consigliato di tornare alle proprie “terre ancestrali”. Ha anche ricevuto insulti sessisti e che avevano a che fare con il suo fisico. Inizialmente Marie ha risposto parlando di sé in modo garbato, spiegando per esempio che il suo corpo è stato un problema anche per lei quando era giovane e che il fatto di essere sovrappeso l’ha portata a soffrire di depressione. Ha detto poi di non essere nata in Irlanda e di non avere effettivamente origini irlandesi, ma di vivere comunque lì e che l’obiettivo dell’account @ireland è anche quello di rappresentare tutti i residenti del paese.

Michelle Marie ha anche ricevuto molti messaggi di sostegno: tanti utenti l’hanno sollecitata a segnalare gli abusi e a bloccare gli utenti responsabili. La gran parte di quei messaggi però sono ancora visibili, come gli account degli utenti che li hanno scritti: e non è la prima volta che Twitter viene accusato di reagire con estrema lentezza davanti ai casi di abuso (mentre invece sa rimuovere in pochi secondi il video di un gol segnato in Serie A o di una gara delle Olimpiadi).

Dopo circa otto ore di insulti, Michelle Marie ha pubblicato un lungo testo in cui si è detta inorridita dall’aver sperimentato il razzismo, il sessismo e altre forme di abusi a un livello che non aveva mai conosciuto prima («otto ore non stop di odio»). Contattata dal Guardianha detto che l’esperienza è stata per lei «sconvolgente» e che avrebbe comunque riprovato il giorno seguente.

Questa mattina ha pubblicato nuovi tweet:

L’account @ireland è legato a IrishCentral, un sito fondato nel 2009 dall’avvocato irlandese Niall O’Dowd, descritto come la più importante fonte di informazioni sull’Irlanda negli Stati Uniti. Ha due milioni di visitatori unici mensili e si rivolge «al secondo più grande gruppo etnico degli Stati Uniti: gli irlandesi», che secondo i dati dell’ultimo censimento negli Stati Uniti sono 39 milioni. Gestisce anche delle riviste e organizza eventi. Darragh Doyle, che gestisce le iniziative legate all’account @ireland, ha detto che una reazione come quella nei confronti di Michelle Marie non era mai accaduta e che molti dei responsabili degli abusi non avevano mai interagito prima con @ireland. Quello stesso account aveva avuto comunque in passato già diversi problemi, quando un uomo musulmano aveva fatto dichiarazioni discutibili sull’omosessualità e una donna aveva parlato del proprio aborto.