(Russian Defence Ministry Press Service photo via AP, File)
  • Mondo
  • lunedì 22 Agosto 2016

L’Iran ha già cambiato idea sulla Russia

Gli iraniani dicono che i russi non useranno più la base militare concessa una settimana fa, perché "non si sono comportati da gentiluomini"

(Russian Defence Ministry Press Service photo via AP, File)

Il portavoce del ministero degli Esteri dell’Iran ha detto che la Russia non userà più la sua base militare in Iran “per il momento”, e che gli aerei da combattimento che si trovavano nel paese per bombardare la Siria “sono partiti”. Il governo russo aveva annunciato la settimana scorsa l’inizio di sue attività in un’importante base militare iraniana, pubblicando alcuni video di aerei in partenza per la Siria: era una notizia molto importante e inattesa, per le sue potenziali conseguenze nella guerra in Siria e in generale nei rapporti di forza tra Russia, Iran e Stati Uniti. Pochi giorni dopo, comunque, il ministro della Difesa iraniano Hossein Deghan aveva commentato in maniera abbastanza critica l’annuncio della Russia; lunedì, a una settimana dal primo annuncio, le operazioni nella base sono state sospese.

L’ambasciatore russo in Iran ha confermato che al momento non ci sono più aerei russi in Iran, ma ha aggiunto che non vede il motivo per cui non possano tornare in un prossimo futuro. L’annuncio del governo russo lunedì scorso aveva causato proteste e malumori in Iran. Durante un dibattito in Parlamento, il ministro della Difesa Deghan era stato criticato da diversi deputati che con insistenza gli avevano posto una serie di domande sulla presenza di militari russi nel paese. Quando Deghan ha parlato nuovamente della questione alla televisione nazionale, è sembrato piuttosto seccato dalle domande: «I russi vogliono dimostrare a tutto il mondo di essere una superpotenza, in modo da garantirsi un ruolo nel decidere il futuro politico della Siria. Ovviamente nel farlo hanno voluto mettersi in mostra e non si sono comportati da gentiluomini».

La base usata dai russi si trova nella provincia occidentale iraniana di Hamedan, vicino al confine con l’Iraq. Secondo alcuni analisti, la base era già stata utilizzata da alcuni aerei russi alla fine del 2015, ma il loro impiego non era stato dichiarato ufficialmente. La Russia ha utilizzato la base per compiere bombardamenti aerei contro i ribelli che in Siria combattono il regime di Bashar al Assad.

Secondo diversi analisti, è probabile che la Russia abbia ottenuto il diritto di utilizzare la base in cambio di concessioni economiche e della vendita di armamenti avanzati, come jet da combattimento di ultima generazione e moderni sistemi di missili antiaerei. In molti hanno scritto che l’accordo iniziale probabilmente prevedeva di tenere segreto l’utilizzo della base. L’atteggiamento degli iraniani in questi ultimi giorni lascia pensare che in qualche misura i russi non abbiano rispettato l’accordo.

Associated Press ha scritto che la presenza dei militari russi nel paese è impopolare probabilmente perché molti ricordano le numerose ingerenze compiute dalla Russia in Iran nel corso di tutta la prima metà del secolo scorso. Nel 1907 Russia e Regno Unito si spartirono il paese in due zone di influenza, di fatto trasformando in una colonia quella che all’epoca si chiamava ancora Persia. Dopo la Rivoluzione di ottobre, agenti dell’Unione Sovietica cercarono di destabilizzare il paese e di instaurare un regime comunista. Durante la Seconda guerra mondiale, Unione Sovietica e Regno Unito si spartirono l’Iran per la seconda volta, con lo scopo di assicurare agli alleati le forniture dei pozzi di petrolio che si trovano nel paese. Dopo la fine della guerra, il Regno Unito abbandonò il paese ma l’Unione Sovietica si rifiutò di fare altrettanto, causando la prima crisi internazionale del dopoguerra.

L’annuncio dell’accordo lunedì scorso era stato accolto con grande sorpresa e clamore, tanto dagli analisti quanto, secondo diversi esperti, dallo stesso governo americano. A molti era sembrato che il governo russo fosse riuscito a ottenere un importante risultato geopolitico. Al momento, infatti, le uniche basi militari che la Russia possiede in Medio Oriente si trovano in Siria. Schierare e controllare armi e truppe anche in Iran, uno degli stati più popolosi e militarmente preparati della regione, avrebbe significato per la Russia moltiplicare la sua influenza su tutta l’area.