(JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 14 Luglio 2016

Chris Froome è rimasto a piedi al Tour de France

È successa una cosa assurda nella tappa di oggi: Froome è caduto, ha rotto la bici, nessuno gliene ha data un'altra e allora ha fatto qualche metro correndo

(JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)

Aggiornamento: Non ci sono ancora dettagliate spiegazioni ma il profilo ufficiale del Tour de France ha messo su Twitter una nuova classifica aggiornata del Tour de France: Froome è in maglia gialla. La giuria ha quindi preso una decisione a suo favore, per rimediare al danno che gli aveva fatto perdere la maglia gialla: ha annullato quello che è successo nell’ultimo pezzo di gara, quello successivo ai problemi avuti da Froome. I tempi e i distacchi sono quindi quelli precedenti al momento in cui Froome è rimasto a piedi.

***

Oggi al Tour de France si disputava la dodicesima tappa, con arrivo sul Mont Ventoux, una delle più importanti e storiche salite della corsa. La tappa è stata vinta dal ciclista belga Thomas De Gendt, ma verrà ricordata per un episodio che ha coinvolto la maglia gialla Chris Froome. A pochi chilometri dall’arrivo Froome ha staccato, con alcuni scatti, quasi tutti i suoi principali avversari, compreso il colombiano Nairo Quintana. A circa un chilometro dall’arrivo Froome era davanti a tutti gli altri avversari insieme ad altri due corridori, Bauke Mollema e Riche Porte. La moto che stava davanti a loro ha dovuto rallentare di colpo (probabilmente per via dei troppi tifosi e troppo invadenti). A quel punto i tre corridori sono caduti e le loro bici hanno avuto problemi: Porte e Mollema hanno potuto riprendere la gara, perdendo comunque qualche secondo. Froome ha invece cercato un’altra bici (la sua era inutilizzabile), non l’ha trovata e ha dovuto fare un pezzo di salita di corsa. Froome ne ha poi trovata una fornita dall’assistenza alla corsa, ma era troppo piccola per lui, e ha fatto molta fatica a usarla. Froome è arrivato al traguardo con un netto ritardo su altri corridori che altrimenti sarebbero arrivati alcuni secondi dietro di lui. Molti commentatori ed ex ciclisti hanno detto che mettersi a correre non era probabilmente la cosa migliore da fare. Non è servito a molto e ha aggiunto confusione al tutto.

E ora cosa succede?

Ora c’è da capire se gli organizzatori del Tour de France prenderanno provvedimenti, o se tutto resterà così com’è. Al momento Froome ha anche perso la maglia gialla, che ora è di Adam Yates. Froome ora è sesto con 53 secondi di ritardo dalla maglia gialla. Quello che è successo è una di quelle situazioni senza precedenti, è quindi molto difficile ipotizzare quali decisioni potrebbero prendere Froome, la sua squadra (la Sky) o l’organizzazione del Tour de France. La tappa, in tutto questo, l’ha vinta il belga Thomas De Gent. Ma tutto l’interesse è stato è sarà per quello che è successo dietro di lui. Intervistato dalla RAI l’italiano Fabio Aru (che non ha nulla a che fare con l’incidente e il ritardo di Froome) ha detto: «Mi spiace, sono cose che succedono».