Gareth Bale e Ben Davies dopo la vittoria contro il Belgio (EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • mercoledì 6 luglio 2016

Portogallo-Galles 2-0

Si è giocata la prima semifinale degli Europei, tra due squadre che nessuno si aspettava di vedere a questo punto: hanno segnato Cristiano Ronaldo e Nani

Gareth Bale e Ben Davies dopo la vittoria contro il Belgio (EMMANUEL DUNAND/AFP/Getty Images)

Aggiornamento delle 23: il Portogallo ha battuto 2-0 il Galles nella prima semifinale degli Europei. Hanno segnato Cristiano Ronaldo e Nani. Qui c’è la cronaca della partita, che il Post ha seguito con un liveblog.

***

Portogallo-Galles sarà questa sera la prima delle due semifinali degli Europei 2016: la partita inizierà alle 21 allo stadio di Lione e sarà arbitrata dallo svedese Jonas Eriksson. Portogallo-Galles è la semifinale della parte “debole” del tabellone della fase a eliminazione diretta degli Europei, quella a cui si erano qualificate anche Polonia, Irlanda del Nord e Ungheria, e chi vincerà andrà a giocare in finale contro la vincente di Germania-Francia. Per la partita di stasera, giornalisti e bookmakers danno favorito il Portogallo, ma le due squadre sono difficili da inquadrare, per via dei risultati ottenuti fin qui e per il modo con cui sono arrivati: il Portogallo deve ancora vincere una partita di questi Europei ai tempi regolamentari mentre il Galles, che in squadra ha due giocatori nettamente più forti degli altri, ha sorpreso un po’ tutti arrivando fino a questo punto alla sua prima partecipazione ad un campionato europeo.

bracket

Gli Europei del Portogallo

Prima dell’inizio degli Europei il Portogallo non era considerato fra le favorite. Anche se ha in rosa uno dei migliori giocatori al mondo, Cristiano Ronaldo, e tanti altri ottimi giocatori – come Pepe, Raphaël Guerreiro, Renato Sanches, William Carvalho, Andrè Gomes e Nani – fa fatica a giocare bene ed essere efficace, come si è visto nelle qualificazioni e come si è visto fin qui agli Europei. Si è qualificata tra le migliori terze della fase a gironi pareggiando tutte e tre le partite disputate, contro Islanda, Ungheria e Austria, e agli ottavi però ha sorprendentemente eliminato la Croazia, che fino a quel punto era considerata una delle favorite per la vittoria finale.

In quella partita il Portogallo non ha giocato meglio della Croazia ma ha saputo gestire bene la tensione dei tempi regolamentari, in cui nessuna squadra ha fatto un solo tiro in porta. La difesa ha risposto bene agli attacchi dei giocatori croati e ai tempi supplementari la squadra ha sfruttato alla perfezione l’unica occasione per segnare che gli si è presentata. Nel turno successivo ha eliminato la Polonia ai calci di rigore, dopo 120 minuti terminati 1 a 1 e in cui le due squadre si erano equivalse.

Nella conferenza stampa di martedì, l’allenatore portoghese Fernando Santos ha detto: “Siamo responsabili nello scrivere la nostra storia. La storia e il passato sono importanti per le persone e i paesi, e questo ci aiuta, ma ora dobbiamo scrivere un nuovo capitolo. Questo è un gigantesco passo in avanti verso il nostro obiettivo contro avversari incredibilmente forti. Sarà complicato, ma abbiamo il talento per vincere. Non è una questione Cristiano Ronaldo contro Bale, comunque. Tutte le squadre in semifinale, ogni singolo giocatore, hanno lo stesso obiettivo. Il Galles è un’ottima squadra, dotata tecnicamente”.

L’unico giocatore portoghese squalificato è William Carvalho mentre ci sono parecchi dubbi sulle condizione fisiche del difensore centrale Pepe, che fin qui ha disputato un ottimo Europeo. Anche Cristiano Ronaldo, Guerreiro e André Gomes non sono in condizioni fisiche ottimali.

Il Galles fin qui

Il Galles è una nazionale molto compatta e ben organizzata in difesa. Ha due giocatori molto forti e fondamentali per il modo in cui gioca: l’ala del Real Madrid Gareth Bale e il centrocampista dell’Arsenal Aaron Ramsey. Entrambi partecipano praticamente a tutte le azioni della squadra, sono determinanti per il modo in cui il Galles si posiziona in campo e da loro arrivano la maggior parte delle azioni pericolose. Per il resto è una squadra modesta, fisicamente forte, che nell’unica partita giocata contro una buona squadra – l’Inghilterra – è andata un po’ nel pallone e si è fatta rimontare dopo essere passata in vantaggio.

Il Galles si è qualificato alla fase a eliminazione diretta da prima nel proprio girone: dopo la sconfitta con l’Inghilterra per 2 a 1 ha vinto contro Russia e Slovacchia. Agli ottavi di finale ha eliminato la modesta Irlanda del Nord, poi ai quarti è riuscita nell’impresa ben più difficile di eliminare il Belgio, squadra quasi interamente composta da ottimi giocatori ma che in questi Europei ha dimostrato di avere dei problemi di gioco. Il Galles ha vinto 3 a 1, grazie ai gol di Williams, Robson-Kanu e Vokes, arrivati tutti dopo il gol del vantaggio del Belgio segnato da Radja Nainggolan al 13esimo minuto.

Nella conferenza stampa di ieri, l’allenatore gallese Chris Coleman ha detto: “Crediamo l’uno nell’altro. Il Portogallo è già arrivato in semifinale [nella sua storia], ma noi non siamo sfavoriti. I giocatori devono sentirsi al sicuro, sapendo di essere l’uno nelle mani dell’altro, e direi che lo sono. Dobbiamo fare vedere la nostra identità in campo. Non ho mai pensato alle semifinali. Quando ho visto il girone in cui eravamo, ero convinto di poterlo superare. So che nel calcio tutto può succedere, ma sentivo che avevamo una possibilità: dovevamo solo giocare bene.”

Coleman, per la prima volta in questi Europei, dovrà cambiare la formazione titolare viste le assenze per squalifica di Aaron Ramsey e Ben Davies. Per il resto nessun giocatore gallese ha problemi fisici.

Le probabili formazioni

Portogallo (4-1-3-2) Rui Patrício; Cédric Soares, Ricardo Carvalho, Fonte, Eliseu; Danilo Pereira; Renato Sanches, João Moutinho, João Mário; Nani, Cristiano Ronaldo
Galles (5-3-2) Hennessey; Gunter, Chester, A.Williams, Collins, N.Taylor; Allen, King, Ledley; Bale, Robson-Kanu

Dove vedere Portogallo-Galles

La partita di stasera sarà trasmessa da Sky e dalla Rai: la si potrà vedere su Raiuno e su Rai 4 (dove il commento è della Gialappa’s Band), in streaming sul sito Rai.tv e tramite l’app per smartphone e tablet della Rai, su Sky Sport 1 e in streaming su SkyGo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.