(LUK BENIES/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • venerdì 27 maggio 2016

Vincenzo Nibali ha riaperto il Giro d’Italia

Ha vinto la tappa con arrivo a Risoul, ha rimontato molto in classifica e ora è secondo a 44 secondi da Chaves, la nuova maglia rosa: si gioca tutto domani

(LUK BENIES/AFP/Getty Images)

Vincenzo Nibali, ciclista italiano dell’Astana, ha vinto la terzultima tappa del Giro d’Italia, quella da Pinerolo a Risoul, e ha riaperto il Giro guadagnando più di quattro minuti sull’olandese Steven Kruijswijk, che stamattina era partito in maglia rosa. Kruijswijk è caduto durante la tappa di oggi e poi ha perso parecchi minuti dai corridori che sono andati in fuga. La nuova maglia rosa è il colombiano Esteban Chaves, che stamattina era secondo in classifica: Nibali è secondo con 44 secondi di ritardo e Kruijswijk è ora terzo, a un minuto e 5 secondi da Chaves. Per tutto il Giro Nibali era sembrato non essere in forma, e ieri una sua vittoria del Giro era considerata molto improbabile: oggi invece ha corso una grande tappa e ora si giocherà tutto domani.

La nuova classifica generale

L’ordine d’arrivo della tappa

Nibali è riuscito a rimanere in testa da solo durante gli ultimi chilometri della salita: è scattato un paio di volte riuscendo a staccare il colombiano Esteban Chaves, che era secondo in classifica generale. Prima di questa tappa Chaves aveva in classifica tre minuti di ritardo da Kruijswijk. Al terzo posto c’era Alejandro Valverde, con 3 minuti e 23 secondi di ritardo. Nibali aveva invece un ritardo di 4 minuti e 43 secondi. Ora sono cambiate molte cose e domani c’è una tappa difficilissima, con tre Gran Premi della Montagna di prima categoria e con un arrivo in salita a Sant’Anna di Vinadio. La tappa di domani peraltro è l’ultima vera tappa del Giro d’Italia 2016: la successiva sarà la cosiddetta “passerella”, la tappa conclusiva con arrivo a Torino. È probabile che se la giocheranno Nibali e Chaves, anche perché Kruijswijk ha fatto una brutta caduta e potrebbe sentirne gli effetti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.