I giocatori del Manchester United dopo la vittoria in FA Cup (Shaun Botterill/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 21 Maggio 2016

Cinque finali in due giorni

Ieri si sono giocate le finali delle coppe nazionali in Inghilterra, Italia, Germania e Francia, oggi tocca alla Spagna

I giocatori del Manchester United dopo la vittoria in FA Cup (Shaun Botterill/Getty Images)

Tra sabato e domenica, nei principali campionati di calcio d’Europa, si giocheranno le finali delle coppe nazionali, che sono fra gli ultimi importanti eventi del calendario stagionale per le squadre di club. In molti altri paesi europei le coppe nazionali sono molto più sentite rispetto all’Italia, la cui Coppa Italia spesso viene ignorata da molte squadre, che la ritengono solamente un impegno in più. Anche la considerazione dei tifosi è diversa: in Inghilterra la FA Cup registra ogni anno molti spettatori; in Italia, almeno fino alle semifinali, gli stadi sono quasi sempre mezzi vuoti.

Le coppe nazionali non sono importanti solo per il trofeo che c’è in palio, ma anche perché danno la possibilità, alle squadre che non ci sono riuscite in campionato, di qualificarsi alla fase a gironi di Europa League. Nelle quattro finali giocate sabato sera, il Crystal Palace è stato sconfitto dal Manchester United nella FA Cup, il Bayern Monaco  ha battuto il Borussia Dortmund ed ha vinto la DFB-Pokal , la Juventus ha vinto la Coppa Italia per il secondo anno consecutivo e il Paris Saint Germain ha sconfitto il Marsiglia 4 a 2 nella finale di Coppa di Francia. Oggi invece, alle 21.30, Barcellona e Siviglia giocheranno l’ultima partita della Coppa del Re.

Inghilterra: FA Cup

Crystal Palace – Manchester United (21/05 ore 18.30)

Manchester United e Crystal Palace giocheranno stasera alle 18.30 la finale della 135ª edizione della FA Cup, il torneo ad eliminazione diretta più antico del mondo. Alla FA Cup di quest’anno hanno partecipato 736 squadre, che da inizio stagione hanno giocato complessivamente 890 partite. La FA Cup è una competizione molto importante per il calcio inglese e molto considerata da squadre e tifosi. Il Manchester United, nonostante le centinaia di milioni di euro spesi negli ultimi tre anni per riportare la squadra ai livelli dell’era Ferguson, in questa stagione ha deluso ancora: si è piazzato al quinti posto, fuori dalla Champions League del prossimo anno. Il Crystal Palace invece ha disputato un’ottima prima parte di campionato, poi però è calato molto e ha terminato la Premier League al 15esimo posto, con soli 5 punti in più dell’ultima squadra retrocessa.

 

Questa partita vale molto anche per l’allenatore del Manchester United, l’olandese Louis Van Gaal, la cui permanenza in squadra è comunque improbabile a causa della stagione mediocre disputata. Se dovesse vincere, il Manchester United si qualificherebbe direttamente ai gironi di Europa League, che ha già raggiunto tramite la posizione in campionato, mentre il West Ham, che è arrivato settimo in campionato, giocherebbe i preliminari. In caso contrario il Crystal Palace andrebbe ai gironi di Europa League con il Manchester United e il West Ham rimarrebbe fuori.

Germania: DFB Pokal

Bayern Monaco – Borussia Dortmund (21/05, ore 20)

Alle 20 di stasera Bayern Monaco e Borussia Dortmund si giocano la DFB Pokal, la Coppa di Germania che prende il nome dall’acronimo della federazione tedesca, che si chiama Deutscher Fußball-Bund. Bayern e Borussia sono le due più forti squadre tedesche degli ultimi anni, e anche in questa stagione sono andate molto meglio delle altre: il Bayern ha vinto per la quarta volta consecutiva la Bundesliga, il più importante campionato tedesco, mentre il Borussia è arrivato secondo ma soprattutto è tornato a giocare un calcio spettacolare e paragonabile a quello di qualche anno fa, quando era allenato da Jurgen Klopp. Il merito sembra essere soprattuto di Thomas Tuchel, l’allenatore che ha sostituito Klopp e che ha migliorato alcuni difetti che la squadra aveva accumulato negli ultimi anni (come ad esempio una gestione eccessivamente frenetica della palla). Il lavoro di Tuchel è stato lodato anche dall’allenatore del Bayern Pep Guardiola, che dopo questa partita – l’ultima della stagione, per il Bayern già eliminato dalla Champions League – lascerà il suo incarico a Carlo Ancelotti per andare ad allenare il Manchester City. Fra le due squadre non esiste un vero favorito: il Bayern è leggermente più forte ma meno motivato, dato che ha già raggiunto l’obbiettivo minimo della stagione e che l’anno prossimo avrà un allenatore diverso; il Borussia invece non ha ancora vinto un trofeo con Tuchel, e ha chiuso il campionato in forma migliore rispetto al Bayern.

Italia: Coppa Italia

Milan – Juventus (21/05, ore 20.45)

La finale di Coppa Italia si giocherà stasera alle 20.45 allo stadio Olimpico di Roma, tra Milan e Juventus. È una delle ultime partite della stagione calcistica italiana e dopo il campionato è la competizione più ambita. È dal 2008 che la finale di Coppa Italia si gioca in una partita secca: prima si giocava andata e ritorno negli stadi delle due squadre che vi prendevano parte. Ora invece si gioca sempre all’Olimpico di Roma a prescindere dalle città di provenienza delle finaliste.

Francia: Coppa di Francia

Marsiglia – Paris Saint Germain (21/05, ore 21)

La finale della Coppa di Francia, che per struttura e numero di squadre è molto simile alla FA Cup inglese, verrà giocata da Marsiglia e Paris Saint-Germain, le due squadre considerate le più famose di Francia ma che si trovano in situazioni molto diverse. Il Paris Saint-Germain ha vinto con otto giornate di anticipo la Ligue 1, dopo aver sconfitto il Troyes 9 a 0 – con quattro gol di Zlatan Ibrahimović – portando il suo vantaggio dal Monaco a 25 punti e diventando matematicamente campione del torneo. Nella Ligue 1 di quest’anno non c’è mai stata storia: il PSG ha dominato sin dalle prime giornate e ad oggi ha perso solo due partite in tutto il campionato. Anche le statistiche sono piuttosto impressionanti: in 38 partite il PSG ha segnato 102 gol subendone solo 19 (il Lione, secondo in classifica, ne ha fatti 67 e na ha subiti 43). Il Marsiglia invece, quarto classificato l’anno scorso, ha passato una stagione molto difficile, che ha concluso in 13esima posizione a 8 punti di distanza dalla zona retrocessione.

Con la finale il Marsiglia ha la possibilità all’Europa League, a cui in caso di vittoria del PSG ci andrebbe il Saint-Etienne. Quella di stasera inoltre sarà l’ultima partita di Ibrahimovic con il PSG: al termine della stagione lascerà sicuramente la squadra.

Spagna: Coppa del Re

Barcellona – Siviglia (22/05, ore 21.30)

Il Siviglia, squadra che ha appena vinto la sua terza Europa League consecutiva, affronterà il Barcellona campione di Spagna nella finale della Coppa del Re, che si terrà allo stadio Vicente Calderon di Madrid (lo stadio dell’Atletico Madrid). Entrambe le squadre si sono qualificate alla fase a gironi della Champions League e quindi non hanno bisogno di vincere la competizione per non rimanere fuori dall’Europa.

 

Il Barcellona ha vinto la Liga dopo aver sconfitto 3 a 0 il Granada nell’ultima partita della stagione. Grazie alla vittoria ha raggiunto 88 punti in classifica, uno in più del Real Madrid, secondo con 87 punti. Per il Barcellona, che è allenato dallo spagnolo Luis Enrique, è la seconda vittoria consecutiva della Liga, e la 24esima della sua storia: nella passata stagione ha vinto anche la Champions League. Il Barcellona ha iniziato il campionato molto bene e a febbraio era arrivato ad avere 12 punti di vantaggio sul Real Madrid, che a inizio 2016 aveva esonerato lo spagnolo Rafa Benitez sostituendolo con Zinedine Zidane, ex fortissimo giocatore di Juventus e Real Madrid.

In questa stagione ci sono state due squadre del Siviglia: una ha giocato in campionato e l’altra in Europa League. La stagione della squadra allenata da Unai Emery era partita abbastanza male su tutti i fronti. Solo dopo più di un mese dall’inizio del campionato, il 26 settembre, il Siviglia era riuscito a vincere la sua prima partita nella Liga 2015/16. Poi la squadra si è ripresa, ha finito il campionato in settima posizione ma soprattutto ha vinto per il terzo anno consecutivo l’Europa League, il secondo torneo continentale per club, battendo in finale il Liverpool.