Da sinistra a destra: Adel Haddadi, Mohamed Usman e i due iracheni non ancora identificati (Handout photo)
  • Mondo
  • domenica 24 aprile 2016

La storia degli attentatori di Parigi arrivati in Europa con i migranti

L'ha raccontata il Washington Post, che ha ottenuto documenti classificati dalle intelligence europee

di Anthony Faiola e Souad Mekhennet - Washington Post
Da sinistra a destra: Adel Haddadi, Mohamed Usman e i due iracheni non ancora identificati (Handout photo)

Lo scorso ottobre, durante una mattina piuttosto fredda, arrivarono sull’isola greca di Leros 198 migranti, tutti apparentemente disperati e in cerca di un posto sicuro dove stare in Europa. Nascosti tra loro c’erano però quattro uomini con passaporti falsi e in missione per lo Stato Islamico (o ISIS): due di loro riuscirono poi a raggiungere Parigi. Lì, alle 21:20 del 13 novembre, attivarono i loro giubbotti esplosivi, in quello che è diventato il peggior attacco terroristico in territorio francese dalla Seconda guerra mondiale. Gli altri due uomini non sono riusciti ad arrivare così lontano. Furono fermati al loro arrivo in Grecia per avere mentito sulle loro identità, poi lasciati andare e poi arrestati di nuovo in Austria. La storia dei quattro uomini – inclusi alcuni dettagli che finora non erano stati resi pubblici – fornisce un generale ammonimento per un continente che sta attraversando d’improvviso la più grave minaccia alla sua sicurezza dalla fine della Guerra fredda.

Alcuni funzionari europei che si occupano di sicurezza sostengono che nell’ultimo anno lo Stato Islamico abbia creato diverse cellule terroristiche in giro per l’Europa. La responsabilità sarebbe in parte da attribuire all’incapacità dell’Unione Europea di fare i conti con la crisi dei migranti, che ha aperto dei canali sfruttabili anche dallo Stato Islamico. Oggi l’Europa sta collaborando con la Turchia per chiudere le sue frontiere e mettere fine agli intensi flussi di immigrazione irregolare. La stragrande maggioranza dei migranti arrivati in Europa sta effettivamente scappando dalle guerre o dalla povertà. Nel corso degli ultimi sei mesi, comunque, più di trenta sospetti miliziani che si fingevano migranti sono stati arrestati o sono morti mentre stavano progettando attentati terroristici. Tra loro c’erano almeno sette uomini direttamente legati agli attentati di Bruxelles e Parigi.

I problemi dei greci
Poco prima di sbarcare a Leros, a settembre, i quattro miliziani erano stati invitati a partecipare a una riunione segreta in una città della Siria centrale controllata dallo Stato Islamico. Due di loro – quelli che poi si sono fatti esplodere fuori dallo Stade de France, a Parigi, entrambi di nazionalità irachena – sono stati in seguito celebrati in un video diffuso dal gruppo. Gli altri due uomini, entrambi con una faccia rotonda e un po’ di barba, erano Mohamed Usman, un pakistano che ha detto di avere 23 anni, e Adel Haddadi, un algerino di 28 anni. Usman e Haddadi hanno raccontato agli investigatori europei di essersi uniti allo Stato Islamico nel 2014: in Siria ricevettero un addestramento per l’uso di armi automatiche. Entrambi erano già stati segnalati in passato per attività terroristiche: Haddadi era conosciuto dall’intelligence algerina, mentre Usman era sospettato di avere dei legami con Lashkar-e-Taiba, un gruppo terrorista pakistano collegato agli attacchi di Mumbai del 2008.

In quell’incontro di settembre, secondo i racconti dei due uomini, un importante membro dello Stato Islamico disse ai quattro miliziani che era giunto per loro il momento di lasciare il califfato. «Erano felici e onorati di essere stati scelti per morire per la causa e per Allah», ha detto un funzionario europeo che si occupa di sicurezza: «È stato detto loro che sarebbero andati in paradiso».

Per arrivare fino a Leros, i quattro uomini passarono dalla Siria alle coste della Turchia. Da lì, hanno raccontato agli investigatori, salirono a bordo di una imbarcazione di uno scafista carica di migranti diretta in Grecia, un paese con molte difficoltà che non è stato in grado di gestire gli intensi flussi migratori dell’ultimo anno e mezzo. Nonostante l’intervento di Frontex (l’agenzia europea per il controllo delle frontiere), la Guardia Costiera greca e la polizia locale furono sopraffatti dall’arrivo dei migranti, visto che fino a quel momento erano abituate ad avere a che fare più con i borseggiatori che con possibili terroristi. Molti dei nuovi arrivati – soprattutto siriani scappati dalla guerra – non avevano passaporti o documenti di viaggio legali. Oggi le intelligence europee e gli esperti di sicurezza stimano che fino agli attentati di Parigi solo il 20 per cento dei migranti arrivati in Grecia fu controllato. Zacharoula Tsirigoti, tenente generale della polizia greca, ha ammesso in un’intervista che le forze di sicurezza furono sopraffatte dai flussi. La Grecia, ha detto, aveva chiesto all’Unione Europea più aiuti, ma fino agli attentati di Parigi l’assistenza garantita non fu sufficiente.

Destinazione: Parigi
La mattina del 3 ottobre i quattro terroristi provarono a confondersi con i migranti che erano arrivati sulle coste greche: facevano parte di un gruppo di 47 richiedenti asilo che arrivavano dalla Siria; ma c’erano anche persone di molte altre nazionalità, tra cui somali, yemeniti, afghani e palestinesi. Secondo alcuni documenti francesi classificati ottenuti dal Washington Post, quando arrivò il loro turno i due miliziani iracheni mostrarono alle autorità i passaporti siriani falsi di cui erano in possesso. Quello che rimaneva dei documenti dopo le esplosioni di Parigi fu trovato vicino ai corpi dei due uomini fuori dallo Stade de France: i due passaporti facevano parte di un plico di oltre 3.800 documenti – tutti autentici – rubati dallo Stato Islamico durante le grandi vittorie militari in Siria nel 2013. Quei passaporti erano stati falsificati inserendo nuove fotografie, ma comunque apparivano autentici sia alla vista che al tatto. Le dichiarazioni dei due uomini – relative al fatto di essere richiedenti asilo siriani – non furono controllate seriamente dalle autorità di Frontex e da quelle greche. Insieme ad altre decine di migranti che arrivarono sulle coste greche quel giorno, i due non furono fermati: fu detto loro che avrebbero dovuto lasciare la Grecia nel giro di sei mesi.

Documenti classificati mostrano che i due iracheni che dissero di essere siriani – e che non sono ancora stati identificati – attraversarono rapidamente via terra la Serbia e furono registrati in un campo profughi a Presevo il 7 ottobre. Il 13 novembre divennero gli unici attentatori non-europei a prendere parte agli attentati di Parigi, nei quali furono uccise 130 persone.

Come i due iracheni, Usman e Haddadi viaggiavano con documenti siriani falsi che alcuni funzionari dell’intelligence europea ritengono oggi facessero parte dello stesso gruppo di passaporti rubati dallo Stato Islamico nel 2013. Ma a differenza dei due iracheni, Usman e Haddadi furono scoperti dalle autorità di Frontex. Usman, un pakistano, non parlava troppo bene l’arabo, mentre Haddadi mostrò di sapere ben poco di quella che diceva essere la sua città natale, Aleppo. Come vogliono le linee guida dell’Unione Europea, i funzionari di Frontex passarono le informazioni alle autorità greche che trattarono però i due uomini come tutti gli altri migranti economici che usavano passaporti falsi per ottenere lo status di rifugiato politico. Entrambi gli uomini furono trasferiti nell’isola greca di Kos, dove furono sottoposti a un procedimento giudiziario. In quella che era divenuta pratica comune in Grecia, il tribunale decise per una sospensione condizionale della pena ed emanò un ordine di lasciare il paese nel giro di un mese. Non importava come o dove sarebbero andati.

Dopo avere riottenuto la libertà, il 28 ottobre Haddadi, il più anziano dei due, mandò un messaggio via WhatsApp al suo contatto in Siria. Stando ad alcuni funzionari di intelligence europea, Haddadi scrisse semplicemente: «Abbiamo bisogno di soldi». I soldi arrivarono con lo stesso metodo usato spesso dai migranti: un bonifico dalla Turchia alla Grecia. Haddadi e Usman ripresero così il loro viaggio attraverso i Balcani: avevano accumulato 25 giorni di ritardo rispetto ai due iracheni. Sapevano che la loro destinazione era la Francia, ma hanno raccontato che non erano state date loro ulteriori e precise istruzioni su quando e dove l’attacco sarebbe avvenuto. Non erano nemmeno a conoscenza delle identità degli altri attentatori di Parigi, a parte i due iracheni che avevano viaggiato con loro. Un comandante dello Stato Islamico sentito dal Washington Post ha detto: «I membri della cellula non si conoscevano necessariamente l’uno con l’altro; è un modo per proteggere gli altri miliziani. Così se uno fosse stato arrestato, non sarebbe stato in grado di indicare alle autorità gli altri operativi, perché non li conosceva».

Il ritardo accumulato da Haddadi e Usman permise di salvare delle vite. Mentre il 13 novembre i nove attentatori assalivano posti diversi di Parigi, Haddadi e Usman erano da un’altra parte. Dopo essere passati dalla Macedonia, dalla Serbia, dalla Croazia e dalla Slovenia erano arrivati all’ombra delle Alpi: in Austria. Qui avevano ricevuto l’ordine di fermarsi. Erano entrati in Austria senza passaporto e avevano dato alle autorità nomi falsi, ma questa volta avevano detto di provenire dai loro paesi reali, Pakistan e Algeria. Il 4 dicembre entrambi gli uomini fecero richiesta di asilo in Austria e andarono in un campo profughi a circa 1 chilometro e mezzo dal confine con la Germania. I dati ottenuti dai loro telefoni mostrano che i due iniziarono a prendere contatto con diverse persone in giro per l’Europa, inclusi altri migranti appena arrivati e persone immigrate molto tempo prima e legate a reti criminali europee.

Dopo gli attentati di Parigi, le autorità europee iniziarono a indagare e a ricostruire gli spostamenti degli attentatori. Dopo avere trovato un passaporto siriano allo Stade de France, analizzarono le impronte digitali e scoprirono che i due uomini erano arrivati in Grecia come migranti siriani il 3 ottobre. Con l’aiuto delle intelligence di Germania e Stati Uniti, il registro degli arrivi dei migranti di quel giorno – incluse le foto – fu analizzato e incrociato con un database e un sistema di riconoscimento facciale usato per esponenti dello Stato Islamico e altri estremisti conosciuti dalle autorità.

Il 10 dicembre, la polizia austriaca di Salzburg ricevette dall’intelligence francese le foto di Haddadi e Usman e i nomi scritti sui passaporti siriani falsi. Nel giro di quattro ore, i due furono rintracciati al campo profughi vicino al confine con la Germania. Gli SWAT entrarono nel campo e arrestarono i due uomini nella loro stanza. Mentre veniva arrestato, Haddadi tentò di passare la sua carta SIM a un altro migrante, che dopo fu arrestato.

Durante le 150 ore di interrogatori, entrambi gli uomini raccontarono le loro storie. Ora sono rinchiusi in una prigione austriaca. Le loro testimonianze hanno dato molte piste da seguire agli investigatori europei, che tra le altre cose hanno portato all’arresto di altri due migranti nel campo profughi di Salzburg. I due dovrebbero essere estradati presto in Francia, dove dovrebbero essere sottoposti a un processo legato agli attacchi di Parigi. Un funzionario di intelligence europeo ha detto: «Sono tristi perché sono ancora vivi, perché sentono che avrebbero dovuto essere dei martiri. Sono tristi perché non sono morti con gli altri in Francia».

© 2016 – The Washington Post

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.