(© Julien Mauve, Francia,2016 Sony World Photography Awards)

Le foto che hanno vinto i “Sony World Photography Awards”

È uno dei più importanti concorsi annuali di fotografia al mondo e partecipano sia professionisti che dilettanti

(© Julien Mauve, Francia,2016 Sony World Photography Awards)

La World Photography Organization – una importante e stimata organizzazione internazionale di fotografia – ha annunciato i vincitori dei “Sony World Photography Awards 2016″, il più grande concorso di fotografia al mondo. All’edizione del 2016 hanno partecipato più di 200mila persone provenienti da 186 paesi: i giudici hanno assegnato i premi valutando l’intero progetto di ciascun fotografo, non la singola foto. Le categorie dedicate ai fotografi professionisti erano 14, ma c’erano anche altre categorie per i non professionisti.

Il premio più importante – l’Iris d’oro – è stato vinto dal fotografo iraniano Asghar Khamseh per una serie di fotografie chiamate “Il fuoco dell’odio”, che raccontano le conseguenze subìte dalle persone contro cui sono stati commessi reati di vario tipo. Tra i vincitori degli altri premi ci sono tre italiani: Marcello Bonfanti, premiato per i suoi ritratti fatti in Sierra Leone, Alberto Alicata, premiato nella sezione Fotografie in posa, e Francesco Amorosino, che è arrivato primo nella sezione Natura morta.

 

Tutte le fotografie che hanno vinto un premio saranno esposte alla Somerset House di Londra dal 22 aprile all’8 maggio: saranno in mostra anche alcune delle foto finaliste.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.