Il racconto più tradotto della letteratura africana

È una fiaba dello scrittore keniota James Ngugi, pubblicata in 32 lingue diverse nell'ultimo numero della rivista Jalada

Lo scrittore keniota James Ngugi il 13 giugno 2015 a Nairobi, Kenya (TONY KARUMBA/AFP/Getty Images)

Una fiaba dello scrittore keniota Ngũgĩ wa Thiong’o (noto anche come James Ngugi) è diventato il racconto tradotto in più lingue nella storia della letteratura africana dopo che nell’ultimo numero della rivista del collettivo panafricano Jalada ne sono state pubblicate 32 traduzioni. La fiaba originale è stata scritta in kikuyu, una lingua keniota, e si intitola Ituĩka Rĩa Mũrũngarũ: Kana Kĩrĩa Gĩtũmaga Andũ Mathiĩ Marũngiĩ; lo stesso Ngugi ne ha scritto la versione in inglese (si può leggere qui), col titolo The Upright Revolution: Or Why Humans Walk Upright, cioè La rivoluzione verticale: o sul perché gli uomini camminano eretti.

La fiaba racconta perché gli esseri umani smisero di camminare a quattro zampe: le altre parti del corpo, invidiose della coordinazione di braccia e gambe, fecero di tutto per spingerle a smettere di lavorare insieme. Tra le lingue in cui è stata tradotta – non solo da esperti ma anche da ragazzi appena diplomati – ci sono il francese, l’arabo, l’afrikaans, l’amarico (la lingua ufficiale dell’Etiopia), lo swahili (lingua nazionale di Tanzania, Kenya e Uganda) e l’igbo (la lingua principale in molte città nigeriane). Jalada ha invitato anche i lettori a tradurre la fiaba nelle lingue mancanti, come per esempio l’italiano. L’idea del collettivo è valorizzare le 2.000 lingue del continente africano pubblicando un racconto inedito per ognuna e traducendolo. Nonostante questa ricchezza linguistica, sono pochi gli scrittori di narrativa in lingue diverse dal francese e dall’inglese.

Ngugi, che è nato nel 1938, è ritenuto uno dei più importanti scrittori africani viventi e nel 2014 era dato tra i favoriti al premio Nobel per la letteratura. Il suo primo romanzo (scritto in inglese) fu tradotto in italiano nel 1975 da Jaca Book con il titolo Se ne andranno le nuvole devastatrici; la stessa casa editrice ha pubblicato anche la sua ultima opera tradotta in italiano, la raccolta di scritti Decolonizzare la mente (2015).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.