(KARIM JAAFAR/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 21 Marzo 2016

Jorge Lorenzo ha vinto il MotoGP del Qatar

Valentino Rossi è arrivato quarto, dietro ad Andrea Dovizioso e Marc Marquez, nella prima gara del Motomondiale

(KARIM JAAFAR/AFP/Getty Images)

Jorge Lorenzo, pilota spagnolo della Yamaha e campione in carica del Motomondiale, ha vinto la prima gara della nuova stagione, corsa domenica 20 marzo in Qatar sul circuito di Losail. Dietro di lui sono arrivati il pilota italiano della Ducati Andrea Dovizioso e lo spagnolo della Honda Marc Marquez; Valentino Rossi, anche lui con la Yamaha, è arrivato quarto.

La gara è stata piuttosto combattuta: sono partite molto bene le due moto Ducati di Dovizioso e Andrea Iannone; Lorenzo, che era partito in pole position, ha dovuto lottare parecchio per recuperare la prima posizione. Iannone è caduto durante il sesto giro, mentre era in prima posizione, e al nono giro Lorenzo ha rimontato e superato Dovizioso, rimanendo poi in testa fino al termine della gara. Marquez e Dovizioso hanno lottato a lungo per il secondo posto: la loro gara è stata decisa all’ultimo giro e grazie alla maggiore velocità della Ducati in rettilineo. Rossi, partito quinto, è arrivato al traguardo con un distacco minimo rispetto a Dovizioso e Marquez, ma non è mai riuscito a lottare per le prime tre posizioni e si è limitato a controllare la quarta.

Secondo diversi esperti per la vittoria di Lorenzo potrebbero essere state determinanti le gomme scelte a inizio gara:

Datemi una gomma qualsiasi e solleverò la coppa. Cambia la base di appoggio, dalla Bridgestone alla Michelin, ma il risultato non cambia: alla fine vince sempre lui, Jorge Lorenzo, primo in Qatar davanti a Dovizioso e Marquez nel GP che apre l’era del nuovo fornitore di pneumatici e dell’elettronica unica. Il maiorchino anche con le gomme francesi riesce a imporre la sua legge, senza però poter mettere in pratica la sua tattica preferita: fuga per la vittoria. Il Martillo non ha avuto vita facile: prima ha dovuto inseguire le Ducati, protagoniste di un grande avvio, per poi reggere alla distanza e gestire il degrado delle gomme, la vera incognita della gara, anche alla luce delle differenti scelte. Le Ducati e Vinales sono partite con due soft; Marquez e Rossi con dura e media, mentre Lorenzo ha optato per hard e soft. La scelta vincente e la chiave del suo successo.

ll “Losail International Circuit” è vicino a Doha, la capitale del Qatar. Il tracciato ha poco più di vent’anni e fu costruito in un anno (di solito ci si mette molto di più) per un costo di circa 50 milioni di euro. Il circuito è lungo cinque chilometri e 400 metri ed è “circondato da zone di verde sintetico studiate per impedire alla sabbia del deserto circostante di invadere la pista”. Il rettilineo principale è lungo più di un chilometro e sulla pista c’è un misto di curve “veloci” e curve medie. Le curve a sinistra sono sei, quelle a destra 12. I piloti di MotoGP hanno completato 22 giri, per un totale di 118 chilometri e 400 metri. Dal 2008 il Gran Premio del Qatar ha una rilevante peculiarità: ci si corre di notte. La prossima gara del Motomondiale si correrà il 3 aprile in Argentina.

Ordine di arrivo

1 Jorge LORENZO SPA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha 42’28.452
2 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati +2.019
3 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda +2.287
4 Valentino ROSSI ITA Movistar Yamaha MotoGP Yamaha +2.387
5 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda +14.083
6 Maverick VIÑALES SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki +15.423
7 ESPARGARO SPA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +18.629
8 SMITH GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha +18.652
9 Hector BARBERA SPA Avintia Racing Ducati +21.160
10 Scott REDDING GBR OCTO Pramac Yakhnich Ducati +24.435
11 Aleix ESPARGARO SPA Team SUZUKI ECSTAR Suzuki +35.847
12 Eugene LAVERTY IRL Aspar Team MotoGP Ducati +41.756
13 Alvaro BAUTISTA SPA Aprilia Racing Team Gresini Aprilia +41.932
14 Jack MILLER AUS Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda +41.982
15 Tito RABAT SPA Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Honda +54.953