Laura Pausini (Rodrigo Varela/Getty Images)

Il paese dove ascoltano di più Laura Pausini

Non è l'Italia secondo YouTube, che ha una classifica aggiornata dei posti dove vengono visti i suoi video

Laura Pausini (Rodrigo Varela/Getty Images)

Stasera la cantante italiana Laura Pausini sarà fra gli ospiti della 66esima edizione del Festival di Sanremo (ci saranno anche Elton John e Maître Gims). Laura Pausini è una delle più famose cantanti italiane in circolazione, è nata nel 1974 a Faenza, e ha vinto il Festival di Sanremo nel 1993 con una canzone intitolata La solitudine, che l’ha resa famosissima. Laura Pausini ha venduto circa 70 milioni di dischi nel corso della sua carriera, ma una buona parte di questi non sono stati venduti in Italia: secondo la una classifica fatta da YouTube sui suoi video più popolari la città con più fan di Laura Pausini è Citta del Messico.

YouTube ha introdotto lo scorso giugno un nuovo servizio, chiamato Music Insights, che permette a tutti gli utenti di vedere una classifica delle città dove vive la maggioranza delle persone che ascoltano un certo musicista, in base alle visualizzazioni dei video delle canzoni. Oggi questi dati sono disponibili per i diecimila artisti più popolari su YouTube, ma presto ne verranno aggiunti molti altri. Andando a spulciare fra le pagine degli artisti più famosi si scoprono cose non scontate: nelle immagine qui sotto ci sono le classifiche per Laura Pausini delle città e dei paesi dove vengono visualizzati di più i suoi video, la prima città italiana è Roma all’ottavo posto. I dati partono dal 2014 e ovviamente non tengono conto di chi ascolta Pausini solamente da cd o tramite altre piattaforme di musica in streaming.

 

YouTube non è l’unica azienda che permette questo tipo di servizi ai musicisti: anche Spotify, il popolare servizio per ascoltare la musica in streaming, permette ai suoi utenti di accedere ad alcuni dati e di conoscere il meccanismo con il quale gli artisti guadagnano per essere ascoltati in streaming.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.