• photogallery
  • Questo articolo ha più di sei anni

Land of Nothingness

Il calmo nulla della Namibia, nelle immagini della fotografa belga Maroesjka Lavigne

Land of Nothingness
(La foto si ingrandisce cliccandoci sopra)

Land of Nothingness è un progetto della fotografa belga Maroesjka Lavigne che nel 2015 ha viaggiato, per fotografarla, in Namibia: una delle nazioni meno densamente popolate del mondo. Gran parte del territorio del paese è costituito dalle distese aride del deserto del Namib (da cui prende il nome) e del Kalahari. Lavigne ha spiegato che è servita molta pazienza per lavorare nel deserto – «Ci vogliono letteralmente ore, guidando nel nulla, per arrivare finalmente… e si trova solo altro nulla» – ma che alla fine è riuscita a scoprire e valorizzare i colori del deserto (terra bruciata delle distese aride, superfici bianche di saline e color oro della sabbia).
Lavigne ha incontrato mandrie di giraffe, stormi di fenicotteri, elefanti e rinoceronti: inizialmente – ha spiegato – guardano l’uomo con curiosità, ma presto se ne dimenticano e continuano lentamente e indisturbati il loro viaggio. Incontrare altre persone è più raro e quelle poche volte che è successo era nelle stazioni di servizio, per Lavigne “un ricordo del mondo che c’è oltre”: «Questo paese è in un altro fuso orario e il tempo sembra muoversi più lentamente, ma quasi in un modo più logico».
Le foto di Land of Nothingness saranno esposte alla Robert Mann Gallery di New York dal 4 febbraio al 9 marzo 2016.