La prima volta di Elvis Presley in tv, 60 anni fa

«Pensiamo che questa sera, davanti a voi, farà la storia della televisione»

Il 28 gennaio del 1956, durante il The Dorsey Brothers Stage Show sul canale televisivo statunitense CBS, il presentatore Tommy Dorsey chiese al dj radiofonico Bill Randle di presentare il prossimo ospite in studio. Randle salì sul palco e disse al microfono: «Vorremmo presentarvi un giovanotto che, come molti artisti – tra cui Johnnie Ray – è arrivato dal nulla ed è diventato una star in una notte. Lo abbiamo visto per la prima volta durante le riprese di un cortometraggio. Pensiamo che questa sera, davanti a voi, farà la storia della televisione. Vorremmo presentarvi Elvis Presley».

Elvis, che aveva da poco compiuto 21 anni, suonò un medley di Shake, Rattle & Roll e Flip, Flop & Fly’ e poi I Got a Woman. Il pubblico apprezzò la sua esibizione abbastanza da convincere i produttori della trasmissione a confermarlo per altre apparizioni: Elvis Presley suonò al The Dorsey Brothers Stage Show sei volte in tutto venendo pagato 1.250 dollari in tutto.

Dopo l’esibizione Elvis, il cui successo in quegli anni era appena cominciato, restò a New York per registrare alcune canzoni negli studi dell’etichetta RCA. Il suo successo continuò da quel momento a crescere e Elvis partecipò a diverse altre trasmissioni televisive, anche se in molti ritengono che quella decisiva, che lo fece diventare davvero famoso in tutti gli Stati Uniti, fu l’esibizione all’Ed Sullivan Show, all’epoca la trasmissione più seguita nel paese, del 9 settembre del 1956.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.