• Cultura
  • Questo articolo ha più di sei anni

Il segreto che J.K. Rowling disse a Alan Rickman per interpretare Severus Piton

Una parola diventata poi molto famosa tra i fan della saga di Harry Potter lo aiutò a recitare un ruolo complesso e ambiguo

L’articolo contiene spoiler per chi non ha letto l’ultimo libro o visto l’ultimo film della saga di Harry Potter.

La scrittrice inglese J.K. Rowling, autrice della saga di Harry Potter, ha risposto su Twitter a una fan che le aveva chiesto quale fosse il segreto che confidò ad Alan Rickman, l’attore che interpretò il professor Severus Piton nei film della saga e che è morto a Londra lo scorso 14 gennaio, per convincerlo e aiutarlo a recitare la parte.

Più volte infatti Rickman aveva spiegato che – come tutti – non conosceva il finale della storia: doveva attendere l’uscita dei libri per capire come si sarebbe evoluto il suo personaggio. Prima di accettare la parte però Rickman aveva parlato al telefono con Rowling e aveva raccontato: «mi diede una piccola informazione che non ho mai detto a nessuno e non dirò mai a nessuno. Non aveva a che fare con la trama, non era cruciale in modo tangibile, ma era un’informazione cruciale per me, per farmi prendere una direzione anziché questa, quella o quell’altra ancora».

Rowling ha spiegato su Twitter che questa piccola informazione era il significato della parola “Always”, “Sempre”, che richiama una delle ultime scene del settimo e ultimo libro della saga, Harry Potter e i doni della morte: durante l’ultimo dialogo tra Albus Silente e Piton, si scopre che per tutto il tempo Piton ha protetto Harry Potter in nome dell’amore che provava per la madre di lui, Lily. Silente gli dice a un certo punto: «Dopo tutto questo tempo?»; lui risponde: «Sempre».

La scena del film in cui Piton conferma a Silente il suo amore per Lily Potter:

Un’altra fan ha scritto a Rowling su Twitter dicendo «questa cosa mi emoziona molto», e lei ha risposto «capisco esattamente di cosa parli».

Un video che racconta la storia di Piton in ordine cronologico: