• postit
  • martedì 5 gennaio 2016

L’università di Garissa, in Kenya, ha riaperto ieri dopo nove mesi dalla strage in cui 147 persone furono uccise dai militanti di al Shabaab

Lunedì 4 gennaio, con una piccola cerimonia a cui hanno partecipato studenti e membri dello staff, ha riaperto ufficialmente l’università di Garissa, in Kenya: quella dove nell’aprile del 2015 un gruppo di miliziani islamisti legati all’organizzazione terroristica somala al Shabaab uccisero 147 persone, per lo più studenti.

Il 2 aprile del 2015, stando alle ricostruzioni fornite allora dalle autorità locali, quattro miliziani entrarono in uno degli edifici del college, uccisero le due guardie all’ingresso e poi si misero a sparare indiscriminatamente uccidendo decine di studenti in pochi minuti. Circa 500 studenti riuscirono a scappare, 79 dei quali feriti nella sparatoria. Gli assalitori furono in seguito isolati dalle forze di sicurezza in un dormitorio, dove si fecero esplodere. L’università di Garissa, spiega Quartz, è una delle più importanti attività economiche della città e c’era molta pressione sul governo affinché fosse riaperta. Della strage all’università di Garissa si era molto parlato dopo gli attentati di novembre a Parigi, quando in molti pubblicarono sui social network link che parlavano della strage come se fosse appena avvenuta e indignandosi perché si parlava invece solo di Parigi.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.