(La baia di Cattaro, amira_a via Flickr)
  • Mondo
  • lunedì 4 gennaio 2016

I posti da vedere nel 2016 secondo Lonely Planet

I paesi, le città e le regioni che per un motivo o per l'altro varrà la pena visitare quest'anno (tra cui Roma e il Friuli-Venezia Giulia)

(La baia di Cattaro, amira_a via Flickr)

Come ogni anno Lonely Planet, tra le più popolari e autorevoli case editrici di guide turistiche del mondo, ha pubblicato una lista con i posti del mondo da visitare nel 2016 (questa era la classifica del 2015). Le classifiche sono tre – nazioni, città e regioni – e i motivi per cui sono stati scelti da Lonely Planet sono vari: nuovi musei o infrastrutture, particolari ricorrenze o festival in programma quest’anno oppure il fatto che alcune caratteristiche del posto in questione potrebbero scomparire nel giro di poco tempo.

Nella classifica delle nazioni le uniche due europee sono la Polonia e la Lettonia, mentre c’è molta Oceania, con le isole Fiji, l’Australia e Palau. Tra le dieci città scelte invece c’è Roma, per via del Giubileo e per il restauro del Colosseo e della Fontana di Trevi, mentre la prima della classifica è in Montenegro. Tra le regioni invece Lonely Planet consiglia il Friuli Venezia Giulia e le sue zone dove si produce il vino, mentre al primo posto c’è la Transilvania, che secondo la guida sta diventando sempre più moderna e adatta a ospitare il turismo.

I dieci stati da visitare nel 2016

Le dieci città da visitare nel 2016

Le dieci regioni da visitare nel 2016

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.