• Media
  • sabato 19 dicembre 2015

Gli articoli della Stampa saranno protetti da Creative Commons

Cioè una licenza sul diritto d'autore più flessibile di quella usata normalmente dai principali quotidiani italiani ("Tutti i diritti riservati")

Da sabato 19 dicembre gli articoli pubblicati sulla versione cartacea della Stampa saranno protetti da Creative Commons, una licenza sul diritto d’autore più flessibile di quella usata normalmente dai quotidiani. In sintesi, significa che gli articoli della Stampa potranno essere condivisi a patto che venga citato l’autore, che la riproduzione non avvenga a scopo commerciale e che il contenuto dell’articolo non sia distorto. Ancora oggi molti giornali italiani allegano invece in fondo ai loro articoli la dicitura “Tutti i diritti riservati”, cosa che ne impedisce la riproduzione anche parziale in altre forme (anche se raramente le violazioni meno gravi vengono punite). L’articolo della Stampa dice anche che «nelle prossime settimane, la stessa licenza comparirà anche negli articoli pubblicati online e sotto quelli dei supplementi» del giornale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.