Alcuni pastori davanti al parlamento romeno (AP Photo/Vadim Ghirda)
  • Mondo
  • martedì 15 Dicembre 2015

La protesta dei pastori a Bucarest

Hanno manifestato davanti al Parlamento contro la limitazione del numero dei cani utilizzabili per i pascoli, suonando corni e brandendo teste di capra

Alcuni pastori davanti al parlamento romeno (AP Photo/Vadim Ghirda)

Circa quattromila pastori romeni hanno manifestato oggi davanti al Parlamento romeno di Bucarest per protestare contro una nuova legge che regolamenta il numero di cani da guardia dei greggi e vieta il loro uso nei pascoli dei greggi da dicembre ad aprile. Un migliaio di pastori ha tentato di rompere il cordone che la polizia aveva formato ad alcune decine di metri dal Parlamento: ci sono stati scontri e la polizia ha usato gas lacrimogeni.

I pastori, che sono arrivati nella capitale dalle zone rurali del paese, sostengono che la nuova legge sia un attacco alle loro tradizioni. La legge prevede infatti che un pastore possa usare un singolo cane durante il pascolo e un massimo di tre per i greggi di montagna. Secondo le autorità, i cani dei pastori sono generalmente molto aggressivi e spesso uccidono animali innocui. Se i pastori dovessero trasgredire la legge, i cani in eccesso potrebbero essere abbattuti.