Sun-Ray Enlarging Easel © Joseph O. Holmes - My Father’s Darkroom

Nella camera oscura di mio padre

Dopo la morte di suo padre, un fotografo ha ritrovato in un garage una scatola piena di suoi vecchi materiali e attrezzature fotografiche

Camera oscura

Joseph O. Holmes è un fotografo nato nel 1954 e cresciuto in una piccola città industriale della Pennsylvania, dove suo padre Del gli insegnò a sviluppare e stampare fotografie nella piccola camera oscura che si era costruito in casa. A giugno del 2015, sette anni dopo la morte del padre, Holmes – che adesso vive a Brooklyn – ha deciso di sistemare l’attrezzatura e i materiali che si trovavano nella camera oscura della sua casa d’infanzia, per omaggiare suo padre e il luogo in cui ha scoperto “la magia della pellicola e della carta fotografica”.

Del Holmes faceva l’ingegnere ma aveva frequentato una scuola d’arte e per anni aveva coltivato la sua passione per la fotografia nel buio del suo laboratorio; negli anni Settanta, poi, aveva deciso di impacchettare tutto il materiale e, quasi vent’anni dopo, di darlo via o buttarlo, fino a quando suo figlio non lo convinse che avrebbe potuto conservare tutta quella roba nel suo garage di New York. Joseph O. Holmes non ha però mai toccato quelle scatole fino a quest’anno, quando si è deciso a sgombrare il suo magazzino, rendendosi conto che buttare quegli oggetti era più difficile di quanto avesse immaginato. Così ha fotografato tutti gli oggetti presenti in quelle scatole (prodotti chimici, ingranditori, vasche per la sviluppo) in un tentativo di conservare “gli antichi tesori” del padre e il loro ricordo, e scoprendo così un po’ della vita e dei segreti di suo padre da giovane. Alla fine ha deciso di inscatolare e conservare tutto ancora una volta. Le foto fanno parte del progetto My Father’s Darkroom e si possono vedere, insieme ad altri lavori, sul sito del fotografo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.