(Kyodo via AP Images)
  • Mondo
  • mercoledì 18 novembre 2015

C’era un rifugiato siriano tra i terroristi di Parigi?

Un po' di ordine su una questione molto discussa: è stato trovato un passaporto ma probabilmente è falso e non è detto che l'abbia usato un vero rifugiato

di Ishaan Tharoor - Washington Post
(Kyodo via AP Images)

Dall’indagine sugli attentati di Parigi di venerdì, in cui sono morte almeno 130 persone, è emerso che un passaporto che si pensa essere siriano è stato trovato vicino al corpo di uno dei terroristi uccisi. Sul passaporto c’era il nome di un cittadino siriano che sembra essere passato dalla Grecia nei primi giorni di ottobre. Il passaporto sembrava essere un importante indizio per comprendere il piano terrorista. Oltre a questo, quel passaporto ha dato inizio a un più grande dibattito: uno dei terroristi era stato un rifugiato siriano?

La foto senza data diffusa dalla Grecia domenica 15 novembre. Mostra il documento rilasciato a  Ahmad Almohammad, l’uomo con il passaporto siriano trovato vicino allo Stade de France. Il documento è stato rilasciato il 4 ottobre a Lero, in Grecia: garantisce all’uomo sei mesi di “protezione” in Europa. Le impronte digitali, visibili a destra, sono state prese il 3 ottobre (Greek Migration Policy Ministry via AP)Passaporto siriano

La possibilità di infiltrazioni islamiste nei flussi di rifugiati che arrivano in Europa ha messo paura ai politici di Europa e Stati Uniti, e molti governatori e candidati presidenti Repubblicani hanno descritto gli attacchi terroristici come un motivo per vietare l’ingresso a tutti i rifugiati siriani. Questo è quello che sappiamo e quello che non sappiamo riguardo alle voci sul ruolo di un presunto rifugiati siriano negli attacchi di Parigi.

Il passaporto è falso: le autorità di molti paesi diversi sono piuttosto sicure che il passaporto – trovato vicino al corpo di un attentatore non identificato morto durante un attacco suicida allo Stade de France – sia falso. Il nome sul passaporto è Ahmad Almohammad, un siriano di 25 anni. Le autorità francesi hanno detto che Almohammad era un soldato dell’esercito del presidente siriano Bashar al-Assad e che è morto un po’ di mesi fa.

Martedì in un campo profughi la polizia serba ha arrestato un altro uomo il cui passaporto era uguale a quello trovato a Parigi: lo stesso nome e gli stessi dettagli. Non è chiaro se quest’uomo sia in qualche modo collegato agli attentati. Potrebbe anche solo aver usato lo stesso modo per ottenere un passaporto siriano. Ci sono molti precedenti di migranti che si spacciano per siriani così da poter avere più possibilità di essere accettati in Europa. Thomas de Maiziere, il ministro degli Interni tedesco, ha detto martedì che il passaporto falso trovato vicino allo Stade de France potrebbe essere parte di un piano dell’ISIS per depistare le indagini.

Impronte digitali: il passaporto – o anche solo una copia di quel passaporto – è stato mostrato alla polizia greca da qualcuno che lo aveva con sé sull’isola di Lero, dove negli ultimi mesi sono arrivate migliaia di rifugiati siriani e di migranti da altri paesi. Il 4 ottobre il ministro greco che si occupa della gestione dei migranti ha pubblicato un documento che proteggeva Almohammad per sei mesi, garantendogli di poter stare in Europa.

Non è chiaro se le impronte digitali prese dalla Grecia in quell’occasione corrispondano a quelle dell’attentatore ancora non identificato vicino a cui è stato trovato il finto passaporto siriano, anche se lunedì un pubblico ministero francese ha detto che ci sono “somiglianze” tra le impronte digitali dell’attentatore suicida e quelle registrate sul documento greco. Anche se le impronte digitali dovesse corrispondere, non è ancora chiaro se l’uomo in questione fosse davvero siriano. Martedì le autorità francesi hanno fatto circolare una foto segnaletica in cui chiedevano di aiutare a identificare l’attentatore, ancora senza nome.

Gli attentatori identificati sono europei: gli attentati di Parigi sembrano essere stati in parte organizzati o coordinati dall’ISIS, e quindi dal Medio Oriente. Per ora tutti gli attentatori identificati sono però cittadini dell’Unione europea. Questo fatto fa pensare che la loro radicalizzazione sia avvenuta in Europa, e non dopo un viaggio con i rifugiati siriani pieni di problemi. Come spiega una sintesi pubblicata sul Washington Post, tre degli otto attentatori non sono ancora stati identificati. Degli otto, solo di uno si sa che è ancora vivo: ma sono in corso mercoledì mattina operazioni di polizia a Saint-Denis, in Francia, al termine delle quali ne sapremo probabilmente di più. Martedì le autorità francesi hanno confermato di essere alla ricerca di una nona persona, anche lei sospettata di aver avuto a che fare con gli attacchi.

© Washington Post 2015

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.