Guida per chi vuole andare a vedere “Spectre”

Un ripasso senza spoiler per chi andrà a vedere il 24esimo film su James Bond, che esce oggi in Italia

(Dal trailer di "Spectre")

Il 5 novembre è uscito nelle sale italianeSpectre, il 24esimo film della saga di James Bond: si tratta del secondo diretto dal regista britannico Sam Mendes – già regista di Skyfall – e il quarto in cui l’agente 007 è interpretato da Daniel Craig, che è già stato James Bond in Casino Royale e Quantum of Solace oltre che Skyfall. In altri paesi – tra cui il Regno Unito – Spectre è già uscito da alcuni giorni e i principali critici dei più famosi siti inglesi e statunitensi hanno già potuto vederlo: sul sito IMDB il punteggio medio delle circa 20mila votazioni fatte dagli utenti è 7,5 su 10. Le recensioni dei professionisti sono invece molto varie: a qualcuno è piaciuto moltissimo, ad altri non è piaciuto per niente.

Spectre è comunque molto atteso: come in ogni film di James Bond – e soprattutto per gli ultimi, quelli con Craig – si è molto parlato dei tanti paesi in cui è stato girato, della trama, di quello che si è intuito da titolo e trailer e dei molti famosi attori del film, tra cui Léa Seydoux, Monica Bellucci, Ralph Fiennes, Naomi Harris e Ben Whishaw e Christopher Waltz, il “cattivo” del film. Evitando ogni tipo di spoiler su Spectre, questo è quello che serve sapere per arrivare preparati al film se non si è grandi fan della saga di 007, o tutto quello che serve ricordare se si è invece tra gli appassionati dei film su James Bond. I film su James Bond fanno parte di una saga ma sono comunque piuttosto autonomi: li si può vedere e apprezzare “da zero”; conoscendo e cogliendo precedenti, allusioni e riferimenti li si può però apprezzare di più.

Chi è James Bond
James Bond è un personaggio di fantasia, nato come personaggio dei romanzi scritti dal britannico Ian Fleming: il primo romanzo in cui comparì Bond è Casino Royale, del 1953, il primo film ufficiale di cui Bond è protagonista è Licenza di uccidere (Dr. No, in inglese): ci sono anche dei film non ufficiali, apocrifi e non riconosciuti come parte della saga originale. La “licenza di uccidere” è un tratto distintivo di Bond: il doppio zero della sigla “007” – con cui è noto a chi non sa il suo nome – indica infatti che Bond può, se lo ritiene necessario, uccidere per conto del MI6, la sigla con cui sono noti i (veri) servizi segreti del Regno Unito.

James Bond è quindi una spia, un agente segreto. Ci sono differenze tra romanzi e film, ma anche molti tratti comuni: Bond è un uomo d’azione capace però anche di riflettere e ottenere ciò che vuole “senza azione” (per esempio è un ottimo giocatore di poker). James Bond è anche famoso per le donne che seduce, le auto che guida, lo stile dei suoi abiti e i cocktail che ama bere. L’agente 007 è un personaggio di fantasia, c’è però un uomo da cui ha preso il nome: Fleming era un appassionato di ornitologia e al suo personaggio ha dato il nome dell’ornitologo statunitense James Bond.

Cos’era successo in Skyfall (con spoiler, ma solo su Skyfall)
Nella sua prima regia di un film su James Bond, Sam Mendes – regista di American Beauty e di Era mio padre – aveva mostrato un agente 007 più “dark” e problematico del solito; rispetto ai precedenti film su James Bond, Skyfall era anche più psicologico, più attento ai pensieri e ai dubbi del suo protagonista. Nei primi minuti di Skyfall Bond viene dato per morto dal MI6: ovviamente è vivo e dopo alcuni mesi si ripresenta da M, la direttrice del MI6, interpretata da Judi Dench. In Skyfall James Bond deve quindi “rinascere”, ripartire dal fondo e dimostrare di essere ancora pronto ed efficace nonostante non sia più un ragazzino. Il film si conclude a Skyfall, la residenza scozzese in cui è cresciuto Bond: lì lui e M devono difendersi dagli attacchi di Silva, il “cattivo” del film, interpretato da Javier Bardem. Il film si conclude con la morte di M e il suo funerale.

Cos’è la SP.E.C.T.R.E. e come inizia Spectre
La SP.E.C.T.R.E. (acronimo di Special Executive for Counter-intelligence, Terrorism, Revenge and Extortion) è un’organizzazione criminale specializzata in contro-spionaggio, terrorismo, ritorsioni ed estorsioni: è presente nei primi film della saga di James Bond ed è per esempio quella contro cui deve scontrarsi Bond in Agente 007 – Licenza di uccidere.

Se non volete sapere proprio niente di niente di Spectre, smettete di leggere qui. Di seguito comunque non ci sono spoiler, solo qualche piccola informazione sull’inizio della storia e cosa dicono le recensioni.

Spectre inizia in Messico: Bond si trova lì in missione per M, che prima di morire gli ha lasciato un messaggio. Nel frattempo Bond ha anche un difficile rapporto con il nuovo direttore del MI6, interpretato da Ralph Fiennes. Dal Messico Bond va a Roma e lì scopre l’esistenza della SP.E.C.T.R.E. Oltre che a Roma e in Messico, Spectre è stato girato in Austria, in Marocco e in Gran Bretagna.

Cosa si dice di Spectre
Stando alle recensioni dei principali critici britannici e statunitensi, sembra che in Spectre Mendes abbia voluto fare quello che aveva fatto nel molto apprezzato Skyfall: girare un film d’azione, dinamico e ricco di inseguimenti, intrighi e sparatorie, cercando però di mostrare un protagonista profondo e una storia complessa. La maggior parte dei critici scrive però che, seppur con uguali intenzioni, il risultato non sembra essere all’altezza di Skyfall.

Guy Lodge di Variety ha scritto che in Spectre «manca l’inaspettata urgenza emotiva che c’era in Skyfall». Stephen Dalton di Hollywood Reporter ha scritto che gli è molto piaciuto il primo tempo del film, ma che ha trovato l’ultima ora di Spectre «deludente, con troppi colpi di scena prevedibili e con troppi personaggi scontati». Peter Bradshaw, critico del Guardian, ha dato cinque stelle su cinque al film e ha concluso la sua recensione scrivendo: «È molto frivolo, ma anche entusiasmante. Alla fine mi sono quasi sentito in colpa per quanto mi è piaciuto. Quasi».

Cos’ha fatto James Bond in questi anni
A prescindere dalle recensioni Spectre ha comunque già due primati: è il più lungo dei 24 film su Bond (148 minuti) e – secondo le più affidabili stime – è anche il più costoso della storia: si parla di un costo complessivo di quasi 250 milioni di euro. Restando sui numeri, alcuni giorni fa la sezione dell’Economist che si occupa di numeri ha pubblicato un grafico che sintetizza alcuni dati relativi ai sei attori che in più di 50 anni sono stati James Bond. Economist ha escluso Spectre e facendo una media rispetto al numero di film su Bond che ogni attore ha girato, ha mostrato che Daniel Craig è quello che, in ogni film, conquista meno donne. È però secondo per uccisioni – 14 a film – ed è quello che beve più cocktail.

Il prossimo Bond
Già si parla del prossimo film con protagonista James Bond: non c’è ancora nulla di certo, sembra però che sarà confermato Sam Mendes come regista. Ci sono invece molti dubbi sulla presenza di Craig nel ruolo di Bond. Si dice che Craig avesse firmato un contratto per interpretare Bond in cinque film e Spectre è il quarto. Alcune settimane fa Craig ha risposto così a una domanda sulla sua intenzione di essere James Bond per una quinta volta: «Non al momento. Per nulla. Va bene così. Per ora è una cosa superata. Abbiamo finito. Voglio solo andare oltre». Naturalmente Craig potrebbe cambiare idea e, nel frattempo, le sue dichiarazioni aiutano a rendere ancora più un evento l’uscita di Spectre. Nel frattempo, e nel dubbio, si è iniziato a pensare a chi potrebbe essere il nuovo Bond: i nomi che si fanno al momento sono quelli di Tom Hardy (il Bane dei Batman di Nolan, tra le altre cose), Henry Cavill (l’ultimo Superman), Damien Lewis (il Brody di Homeland) e Idris Elba (Stringer Bell in The Wire, Nelson Mandela in Mandela), che diventerebbe il primo 007 nero della storia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.