• Italia
  • mercoledì 28 ottobre 2015

Cosa diavolo sta facendo Marino?

Dopo le recenti dichiarazioni allusive si parla molto del possibile ritiro delle sue dimissioni: la questione è aperta ma per ora non è successo nulla

Ignazio Marino. (Vincenzo Livieri - LaPresse)

I giornali di oggi scrivono che Ignazio Marino ha intenzione di ritirare le sue dimissioni da sindaco di Roma. Marino ha annunciato le sue dimissioni l’8 ottobre e le ha formalizzate il 12. La legge prevede che «le dimissioni presentate dal sindaco diventano efficaci ed irrevocabili trascorso il termine di 20 giorni dalla loro presentazione al consiglio», Marino, che aveva alluso alla possibilità di ripensarci già quando aveva annunciato le dimissioni e lo ha fatto più volte in questi giorni, sarebbe quindi ancora in tempo per ritirarle.

Secondo alcune voci circolate ieri, mai confermate ma abbondantemente raccontate dai giornali, già mercoledì o giovedì Marino potrebbe revocare le dimissioni. “Ha ormai deciso”, scriveva questa mattina Repubblica, ma una decisione non è arrivata nemmeno oggi: si è tenuta una giunta definita “tecnica” e in cui “non si sono affrontati temi politici”, hanno spiegato alcune fonti interne al Campidoglio alle agenzie di stampa.

Marino si è dimesso dopo due anni di mandato apprezzato da alcuni e giudicato fallimentare da altri. In due anni ha cambiato la giunta per tre volte dopo aver perso, per dimissioni spontanee o richieste, otto assessori su dodici. Lui non è mai stato coinvolto direttamente nelle inchieste giudiziarie sul ruolo della mafia in città ma è stato criticato per una sua generale inadeguatezza e impopolarità, e anche per episodi nei quali c’entrava poco o con motivazioni pretestuose, come le improbabili polemiche sulla sua Panda, di cui si parlò tuttavia lungamente su molti giornali. È capitato anche che lo stesso Marino abbia involontariamente aiutato i suoi critici con un atteggiamento non proprio conciliante, e a un certo punto è stato persino criticato dal Papa per la sua presenza negli Stati Uniti durante la sua visita. L’ultimo episodio, quello che poi ha portato alle dimissioni, ha riguardato una serie di accuse di scarsa trasparenza – e sospetti di peculato – riguardo alcune spese di modesta entità da lui sostenute con la carta di credito del Comune.

La legge prevede che nei 20 giorni che seguono alle dimissioni ufficiali il sindaco possa ancora revocarle: in quello stesso periodo sindaco, giunta e consiglio possono esercitare solo poteri di ordinaria amministrazione. Scaduti i 20 giorni le dimissioni diventano efficaci: si procede, in base all’articolo 141 del Testo unico sugli enti locali, allo scioglimento effettivo del consiglio e alla contestuale nomina di un commissario. Con le dimissioni del sindaco cadono infatti anche la giunta e tutte le altre cariche: i consiglieri comunali e – nel caso di Roma – anche i quattordici presidenti di Municipio, che in totale sono quindici (quello di Ostia era già stato sciolto per mafia). Marino tuttavia non ha interpretato questo periodo di 20 giorni come “ordinaria amministrazione”, almeno dal punto di vista politico: tra le altre cose ha firmato le controverse nomine di tre consiglieri d’amministrazione della Fondazione Musica per Roma e martedì inaugurando un viadotto in periferia ha detto: «Questa città ha patito corruzione e criminalità, noi abbiamo mostrato discontinuità. Domani apriremo due nuovi cantieri. Roma deve andare avanti». Lo scorso 23 ottobre Marino ha anche detto che forse si ricandiderà a sindaco di Roma, il 25 ottobre si è rivolto a un migliaio di suoi sostenitori e gli ha detto: «Voi mi chiedete di ripensarci. Io ci penso e non vi deluderò».

Secondo Repubblica, in questi giorni Marino ha continuato a sondare le opinioni dei suoi assessori chiedendogli conto delle loro intenzioni qualora lui decidesse di restare e apprendendo che solo tre sono favorevoli a questa soluzione; allo stesso modo, sempre secondo Repubblica, se lui dovesse ritirare le dimissioni 38 consiglieri comunali su 48 firmerebbero una mozione di sfiducia e 30 di questi si dimetterebbero, di fatto facendolo decadere. A dar retta ai giornali non si capisce però bene quale sia l’obiettivo finale di Marino: secondo alcuni vorrebbe solo avere “l’onore delle armi” da Matteo Renzi, presidente del Consiglio e segretario del PD, “al punto da vagheggiare una trasferta, domani notte in aeroporto, dove Renzi atterrerà al ritorno dalla missione in America Latina”; secondo altri, invece, intende arrivare a una specie di show-down, chiedere una riunione del consiglio comunale e – scrive il Corriere della Sera – “raccontare quanto fatto per sottolineare che la vicenda degli scontrini per la quale s’era dimesso è chiusa, e che l’eventuale scelta di farlo cadere è da ritenersi esclusivamente politica. Cioè, detto senza metafore: una precisa volontà del Partito democratico che pure lo ha eletto”.

Matteo Orfini, deputato del PD e commissario del partito a Roma, ha detto al Corriere che l’intera situazione «è un balletto ridicolo e sinceramente mi dispiace per Marino, credo stia facendo una figuraccia. Se Marino non ritira le dimissioni tanto meglio, se invece lo fa decideremo. Valuteremo quale sia la strada migliore da seguire ma l’esperienza di Marino è finita».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.