• Mondo
  • lunedì 12 Ottobre 2015

I funerali dei morti di Ankara

Si sono tenuti in diverse città della Turchia: intanto il governo ha detto che il sospettato principale ora è l'ISIS

Lunedì 12 ottobre si sono tenuti i funerali di diverse persone morte nell’attentato alla manifestazione filocurda di Ankara, a causa del quale sono morte 97 persone e centinaia di altre sono rimaste ferite. L’attentato è stato il più grave mai accaduto in Turchia. BBC dice che i funerali si stanno tenendo in diverse città del paese. Reuters ha scritto che a Istanbul centinaia di persone hanno manifestato contro il governo turco prima di partecipare al funerale di alcune persone morte nell’attentato. Altri importanti funerali si sono tenuti ad Ankara, la capitale della Turchia. Ad Ankara, durante i funerali di un uomo di 32 anni ucciso nell’attentato, diversi partecipanti hanno applaudito il passaggio della sua bara.

L’attentato ad Ankara non è ancora stato rivendicato. Il primo ministro turco Ahmet Davutoğlu ha detto che per il momento i principali sospetti si concentrano sui miliziani dello Stato Islamico (o ISIS). Il governo ha anche precisato che gli attentatori erano due e che è vicino all’identificazione di uno di loro. Secondo i leader e gli attivisti curdi i responsabili appartengono però ad un’altra forza ancora: i servizi segreti deviati in collaborazione con gli estremisti di destra.