Gigi Hadid alla sfilata di Moschino, lo scorso febbraio (Fulvio De Filippi/Getty Images)
  • Moda
  • martedì 29 settembre 2015

Gigi Hadid contro i suoi “haters”

La modella staunitense ha risposto con una lunga nota su Instagram a chi l'accusa di non essere adatta a fare la modella

Gigi Hadid alla sfilata di Moschino, lo scorso febbraio (Fulvio De Filippi/Getty Images)

La modella staunitense Gigi Hadid ha risposto martedì, con una lunga nota sul social network Instagram, alle critiche di chi l’aveva accusata di non essere adatta a fare la modella. Gigi Hadid è una delle modelle più famose degli ultimi anni e ha acquisito una popolarità da celebrity che va oltre il mondo della moda con tutte le complesse implicazioni che tanta notorietà porta nel rapporto con i fans e i followers (Hadid ne ha 6 milioni e mezzo, su Instagram). Hadid è spesso criticata per le sue caratteristiche fisiche – è magra, ma non magrissima come la gran parte delle modelle che si vedono sfilare di solito, e formosa – e viene accusata di essere una raccomandata.

Hadid ha vent’anni ed è figlia di Yolanda Foster, a sua volta modella e poi attrice famosa soprattutto per il suo ruolo nella serie televisiva Real Housewives of Beverly Hills: per questa ragione, scrive il New York Times, Hadid fa parte di quelle modelle che sono arrivate sulle passerelle “già famose”, come Kendall Jenner (del clan Kardashian/Jenner) o Hailey Baldwin (figlia dell’attore Stephen Baldwin).

In questo mese di settimane della moda, Hadid è stata molto presente sulle passerelle: ha sfilato a New York e a Milano – per Diane von Furstenberg, Tommy Hilfiger, Jeremy Scott, Anna Sui e Versace – attirando una nuova quantità di attacchi online sui suoi pretesi difetti. Da oggi sarà alle sfilate di Parigi e prima di partire ha condiviso una lunga nota in cui risponde alle accuse delle ultime settimane.

A photo posted by Gigi Hadid (@gigihadid) on

 

Ci sono tante persone che si sono affrettate a pubblicare commenti negativi questo mese. Certo, i giudizi sui social network arrivano da persone che, il 99 per cento delle volte, non hanno idea di quello di cui stanno parlando, ma io sono umana e non ho intenzione di negarlo: è una cosa che mi tocca. Sono arrivata alla consapevolezza che quando si arriva a questo punto è importante ripensare al “perché” di quello che si sta facendo. Qual è il tuo messaggio. Cosa devi dire.
No, non ho lo stesso corpo delle altre modelle. No, non penso di essere la migliore in ogni sfilata. Si, voglio avere una camminata unica e so anche di dover migliorare. No, non sono la prima o l’ultima modella del mio genere in questo business. Potete inventare tutte le ragioni che volete per spiegare perché sono dove sono, ma in realtà sono una che lavora duro e ha fiducia in se stessa; una che è arrivata in un momento in cui l’industria della moda era pronta per un cambiamento. Sto solo facendo il mio lavoro. Rappresento un tipo di corpo che prima non era accettato nell’alta moda e sono veramente fortunata ad essere sostenuta da stilisti, stylist e giornali per quella che sono: gente che sa che questa è moda, è arte, e per questo non può mai rimanere uguale. È il 2015. Ma se non siete tra queste persone, non prendetevela con me. Si, ho le tette, ho gli addominali, ho un sedere, ho le cosce, ma non sto chiedendo un trattamento speciale. Entro nelle taglie campione. I vostri commenti cattivi non mi fanno venir voglia di cambiare il mio corpo, non mi fanno venir voglia di dire di no agli stilisti che mi chiamano per le loro sfilate, e di sicuro non cambiano l’opinione che gli stilisti hanno di me. Se mi vogliono ci sono. Se non mi vogliono non ci sono. È così e così sarà. Se non vi piace, non seguitemi, non guardatemi, perché io non me ne vado da nessuna parte. Se non avessi il corpo che ho, non avrei la carriera che ho. Amo poter essere sexy. Ne sono orgogliosa.
L’ho già detto… Spero che tutti arrivino a un punto della loro vita in cui preferiscono parlare delle cose che li ispirano piuttosto che di quelle contro qualcuno. Almeno siate aperti al cambiamento, se non volete farne parte, perché sta innegabilmente accadendo.
Buona Paris Fashion Week, baci, G.

In un’intervista esclusiva al sito di Vogue, Hadid ha spiegato che secondo lei un problema dei social media oggi è che ci sono persone che non si rendono conto di riferirsi, con i loro insulti, a “vere persone con veri sentimenti” e credono di potersi nascondere dietro nickname o account privati. Ha anche aggiunto che all’inizio della sua carriera di modella, quando ha iniziato a proporsi alle agenzie di moda di New York, in molte le facevano capire indirettamente che avrebbe dovuto cambiare in qualche modo il suo corpo, e di aver scelto di firmare con l’agenzia IMG Models proprio perché l’hanno accettata da subito per come era. Hadid ha detto di voler far parte di questo cambiamento nel mondo della moda.

Il post di Hadid su Instagram ha ricevuto finora più di 250mila like e più di 12.500 commenti.
Hadid era diventata molto famosa anche a livello internazionale a partire dall’anno scorso, quando è apparsa sulla Swimsuit Issue, il numero speciale di costumi da bagno della rivista Sports Illustrated e ha sfilato a Parigi per Jean Paul Gaultier, Sonia Rykiel e Chanel. Ed era tra le modelle del calendario Pirelli per il 2015. Presto sarà ulteriormente familiare per le sue immagini sui cartelloni pubblicitari della nuova limited edition di H&M con Balmain.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.