Kim Kardashian e famiglia, per profani

Dieci cose da sapere per capire l'impazzimento di questi giorni sulle sezioni spettacolo dei media americani

Come tutti i media americani – con diversi gradi di eccitazione – hanno raccontato nelle ultime ore, il matrimonio di Kim Kardashian è durato appena 72 giorni. Lei e il giocatore di basket Kris Humphries si erano sposati il 20 agosto e il matrimonio (così come, ora, il divorzio) era diventato un caso nazionale per le sezioni “entertainment” statunitensi, con tanto di due ore di diretta televisiva, tre vestiti diversi, il servizio fotografico venduto in esclusiva alla rivista People per un milione e mezzo di dollari e alcune scene particolarmente toccanti addirittura sceneggiate per l’occasione. La risonanza mediatica è stata tale che alcuni l’avevano paragonato al matrimonio reale tra William e Kate.

La famiglia Kardashian rappresenta l’ultimo e più eclatante caso, dopo Paris Hilton, di persone “famose perché sono famose”: nessun talento particolare o opere degne di nota, semplicemente una famiglia molto ricca che è riuscita ad attirare su di sé l’attenzione mediatica. Dopo la morte del signor Kardashian, la madre di Kim, Kourtney, Khloe e Rob si è risposata con Bruce Jenner, campione olimpico di Decathlon, da cui ha avuto altre due figlie. L’intera famiglia allargata è protagonista di un reality, Keeping Up with the Kardashians (in Italia Al passo con i Kardashian, sul canale E!) che ne riprende la vita quotidiana. Pur essendo nota al pubblico già da prima, la grande popolarità della famiglia è coincisa proprio con l’inizio del programma, nel 2007.

Kris Jenner, la madre, fa da voce narrante del reality e da manager delle sue figlie: una delle più giovani sta già iniziando la carriera di modella, mentre le maggiori sono impegnatissime a partecipare a eventi, farsi fotografare mentre fanno shopping, inaugurare linee di moda, aprire boutique e inventarsi nuovi reality che documentino queste loro attività. Per aiutare gli spaesati che si imbattano continuamente in questo esotico cognome sui siti americani, il Post ha messo insieme una breve guida.

Il matrimonio

1. Anche se i tabloid si sono accaniti da subito su presunte divergenze tra i due sposi, i primi problemi sono emersi verso la fine di ottobre, quando Kim Kardashian ha denunciato qualche disagio durante un’intervista: poca privacy, anche a causa delle riprese del reality Kourtney and Kim Take New York, durante il quale la coppia, a pochi giorni dal matrimonio, è stata costretta a convivere con la sorella di lei, il suo fidanzato e il loro bambino.

2. Humphries il 20 ottobre è stato fotografato mentre trasportava scatoloni fuori dal loro appartamento, presumibilmente intento in un trasloco, e senza fede al dito. Eppure, interrogato dalla stampa sulla domanda di divorzio presentata il 31 ottobre dalla moglie, ha affermato di non saperne assolutamente niente e di essere pronto a fare di tutto per riconquistare Kim.

3. La rapidità con cui si è concluso il matrimonio ha sollevato sarcasmi, malignità e polemiche. Kim Kardashian prima ha attribuito la separazione a “inconciliabili differenze”, poi alla famiglia di lui che avrebbe fatto di tutto per screditarla.

4. A protestare sono state anche le associazioni di omosessuali, che hanno preso il frettoloso divorzio di Kim Kardashian come esempio da opporre a chi ritiene il matrimonio un’istituzione sacra e da precludere a coppie dello stesso sesso.

I precedenti

5. Come spesso accade alle celebrities, a un certo punto anche Kim Kardashian ha visto trapelare un video pornografico amatoriale fatto con un ex fidanzato. Il filmato è stato acquistato nel 2007 dalla Vivid Entertainment, intenzionata a diffonderlo anche contro la volontà dei due protagonisti.

6. Al passo con i Kardashian non è l’unico reality a cui Kim ha partecipato. Con la sorella Kourtney ha girato Le sorelle Kardashian a New York, sull’apertura di una boutique di loro proprietà a New York, ed è stata tra i partecipanti della settima edizione di Dancing with the Stars, il Ballando con le stelle americano. Il fratello Rob sta partecipando all’edizione attualmente in onda.

7. Tempistica non azzeccatissima: il museo Madame Tussauds ha dedicato una statua di cera, inaugurata solo poche settimane fa, a Kim Kardashian in abito da sposa.

Gli altri Kardashian

8. Il padre di Kim, Khloe, Kurtney e Rob era Robert Kardashian. Morto nel 2005, di origini armene, era un grande amico di O. J. Simpson ed è stato uno dei suoi avvocati durante il processo, ospitandolo anche in casa sua dopo l’accusa di omicidio. Qualcuno ipotizzò che Kardashian avesse aiutato l’ex giocatore di football a disfarsi di alcune prove, come i vestiti insanguinati.

9. Le sorelle Kardashian sono tre: oltre a Kim, le già citate Khloe e Kurtney sono anche loro protagoniste di reality. La prima, la più giovane, è sposata con un giocatore dei Los Angeles Lakers, possiede una boutique, fa la speaker per un programma radio e ha partecipato ad altri due reality: Le sorelle Kardashian a Miami, insieme a Kourtney, e Khloé & Lamar sulla vita matrimoniale con Lamar Odom.

10. Le sorelle Jenner, Kendall e Kylie, vengono incluse nel marchio Kardashian ma sono in realtà figlie del secondo marito di Kris, Bruce Jenner. Hanno rispettivamente 16 e 14 anni e la più grande, Kendall, lavora già come modella.

foto: Mark Metcalfe/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.