Miliziani del Fronte al Nusra, legato ad al Qaida, nella base aerea siriana di Abu Zuhour nella provincia di Idlib, nord della Siria (Al-Nusra Front social media account via AP)
  • Mondo
  • giovedì 10 settembre 2015

Intervenire in Siria

Miliziani del Fronte al Nusra, legato ad al Qaida, nella base aerea siriana di Abu Zuhour nella provincia di Idlib, nord della Siria (Al-Nusra Front social media account via AP)

Nella sua rubrica quotidiana sul Foglio, Adriano Sofri pone una questione vecchia e sempre nuova, ogni volta che le sofferenze di tante persone in zone di guerra che la diplomazia non sa fermare mostrano la contraddizione tra il dire “bisogna fare qualcosa” e il dire “non possiamo intervenire”; il tema dell'”uso della forza”, o della “polizia internazionale”. Oggi la maggior parte degli esperti che studiano la situazione in Siria, ma anche le sue conseguenze sulle crisi delle migrazioni di queste settimane, affermano che la situazione non cambierà senza che dall’esterno non si interrompano combattimenti e violenze. Altre opinioni sostengono che questo non si possa fare, fosse anche una soluzione, per le più gravi conseguenze che avrebbe. Per Sofri è il caso di cominciare a “spalancare una cartina sul tavolo”.

Peccato che Matteo Renzi si sia affrettato a dichiarare che l’Italia si terrà alla larga dalle iniziative militari annunciate o discusse in Francia, nel Regno Unito, in Canada, in Australia. Queste iniziative hanno un colossale difetto: arrivano molto tardi. Si è lasciato che una banda armata internazionale – non c’è infatti, in Siria o in Iraq, nemmeno lo straccio di pretesto dell’ingerenza in uno Stato indipendente – infierisse su umani e cose e si costituisse in Stato a sua volta, embrione del Califfato universale cui proclama di ambire. Si discute dell’estensione dei raid dall’Iraq alla Siria, ridicolmente, come se esistessero ancora l’Iraq e la Siria. Matteo Renzi e i suoi colleghi di governo hanno detto anche delle impetuose sciocchezze, sull’intervento in Libia, sui barconi da bombardare. Ma hanno badato a “restare umani”, quanto al soccorso dei migranti, anche quando l’ondata del ripudio sembrava gonfiarsi fino a diventare travolgente.
Però Renzi non può ignorare che soccorrere e accogliere senza intervenire, con una forza proporzionata alla minaccia, nei luoghi della guerra e dei genocidi è come asciugare con lo straccio e il secchio la casa inondata, senza chiudere il rubinetto.

(continua a leggere sulla pagina Facebook di Adriano Sofri)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.